Aggredirono ragazzo di etnia rom a Pescara, denunciati in quattro‎ per razzismo

0

Pescara. Quattro denunce per l’aggressione a un rom avvenuta il primo dicembre scorso. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pescara hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica, per i reati di danneggiamento seguito da incendio e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere, R.D. di 23 anni, D.F. di 23 anni, A.M. di  22 anni e C.M. di  23 anni , tutti pescaresi, con precedenti di polizia.

Vittima dell’aggressione, un 23enne di etnia Rom, appartenente alla famiglia Spinelli di via Salara Vecchia.

Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, i quattro giovani, appartenenti all’ambiente della tifoseria pescarese, dopo aver atteso che la vittima uscisse dalla sua abitazione, avrebbero assaltato l’autovettura sulla quale viaggiava, dandogli fuoco con  fumogeni che, una volta gettati dentro l’abitacolo, avevano provocato una rapidissima combustione, del veicolo.

Solo la rapida  fuga del giovane rom aveva impedito che la situazione potesse avere  conseguenze peggiori.

Le indagini condotte dai carabinieri hanno consentito di accertare che il motivo della spedizione furono dissapori per futili motivi tra R.D., fermato nella serata dell’agguato e Spinelli, attriti che si trascinavano da tempo.

L’assalto di via Salara vecchia, infatti, è stata le risposta del giovane pescarese ad una tentata aggressione, messa in atto la sera prima dal rom che, non contento di averlo minacciato con un coltello da cucina, aveva anche organizzato una spedizione con amici e familiari allo scopo di “chiarire” la vicenda.

Per  questi fatti il  Rom è stato a sua volta denunciato per i reati di minaccia aggravata e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere.