Positano Viva le donne

0

L’otto marzo si celebra la festa delle donne e la data non è stata scelta a caso.

L’origine della Festa dell’8 Marzo risale al 1908, quando un gruppo di operaie di una industria tessile di New York scioperò come forma di protesta contro le terribili condizioni in cui si trovavano a lavorare.

Lo sciopero proseguì per diverse giornate, ma fu proprio l’8 Marzo che il proprietario dell’azienda bloccò le uscite della fabbrica, impedendo alle operaie di uscirne.

Un incendio ferì mortalmente 129 operaie, tra cui anche delle italiane, donne che cercavano semplicemente di migliorare la propria qualità di lavoro.

L’8 marzo assunse col tempo un’importanza mondiale, diventando il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli e il punto di partenza per il riscatto della propria dignità.

Per fortuna oggi la donna ha raggiunto la piena parità con gli uomini e non subisce più alcuna discriminazione. Pertanto “viva le donne”.

In questa occasione noi ragazzi della classe II B della Scuola Secondaria di Positano vogliamo porgere i nostri auguri a tutte le donne e, in particolare, alla nostra preside, che ci guida con un atteggiamento non solo professionale, ma anche materno, alle nostre insegnanti, che ogni giorno ci fanno apprendere cose nuove ed interessanti, alle assistenti amministrative Rita D’Acunto, Antonietta Milo, Agnese Carretta, che ci aiutano sempre quando abbiamo bisogno di telefonare a casa o per un malore o per una dimenticanza, e alla signora Immacolata Silvestre, che è sempre pronta a darci una mano quando abbiamo qualche difficoltà.

Infine mandiamo un augurio speciale a Brunella, che è una “grande” donna.

 

La classe II B

 

Scuola Secondaria di Positano

 

Questo articolo verra spostato nella sezione Giornalisti in Erba che si trova al centro in basso di positanonews o cliccando il banner piccoli giornalisti crescono o in un link a destra del sito positanonews dove trovate articoli che riguardano la scuola scritti maggiormente dagli stessi alunni di Positano e Praiano in Costiera amalfitana