Sica (capitano Gelbison): "A Licata venderemo cara la pelle"

0

 

VALLO DELLA LUCANIA – Il giorno dopo la maiuscola prestazione di carattere offerta contro il Cosenza bisogna già pensare alla sfida di domenica contro il Licata. Il punto rimediato dai cilentani contro i calabresi è importante non solo per la classifica, che fa compiere un piccolo balzo in avanti alla compagine guidata da mister Pasquale Santosuosso, ma soprattutto perché rigenera il morale ai vallesi che ingiustamente domenica scorsa hanno rimediato una sconfitta nel derby contro la Battipagliese: “Contro le zebrette – dice il capitano rossoblù Francesco Sica – meritavamo almeno un pareggio perché la partita è stata ben giocata, ma purtroppo ci sono giornate dove ti gira tutto storto ed è destino che devi perdere”. Tornando con la mente agli errori arbitrali Sica afferma: “Condizionano una partita di calcio, ma fanno parte del gioco. D’altronde anche loro sbagliano e non mi sento di incriminarli”. Sica però preferisce soffermarsi sulla partita di ieri contro il Cosenza: “Abbiamo avuto subito una reazione. Il pareggio conquistato è stato d’oro perché difronte c’è stata una grande squadra. Un punto – sottolinea – che è venuto lottando dal primo minuto al novantesimo, su ritmi altissimi e senza sosta”, Nonostante tutto la guardia non si abbassare perché “…la salvezza non è ancora arrivata e bisogna lottare fino a quando la classifica non ci dirà che siamo matematicamente al sicuro”. Quindi lo sguardo va al Licata: “Un’altra trasferta lunga e difficile contro una compagine che si trova nella parte alta della classifica – conclude Sica – e poi tra infortuni e squalifiche saremo davvero contati, ma venderemo cara la pelle cercando di portare a casa il massimo”. Intanto il giudice sportivo ha confermato le squalifiche di una giornata sia per Paolo Melcarne sia per Maurizio De Cesare, mentre nelle prossime ore dovrebbe arrivare anche quella ai danni di Alessio Grimaudo espulso ieri nel recupero contro il Cosenza.