Serie D (XXIV Giornata), Gelbison-Battipagliese 1-2

0

 

VALLO DELLA LUCANIA – Prima sconfitta stagionale interna per la Gelbison. Lo stop arriva ad opera della Battipagliese in un match fortemente condizionato dall’arbitro. Il signor Gozzi infatti sullo zero a zero ha fatto ripetere in maniera ingiusta un rigore ai padroni di casa; la prima volta il pallone è entrato in rete, mentre la seconda volta è stato bravo Loccisano ad intuire il tiro di Braca. E sullo 0 a 2 ha annullato un gol per fuorigioco inesistente a De Cesare. La partita è stata ben giocata da entrambe le formazioni, ma le migliori occasioni sono state tutte per i rossoblù che a differenza degli ospiti sono stati meno cinici. Nel primo quarto d’ora le due squadre si studiano con gli ospiti che fanno valere la loro tecnica nel far girare la palla, poi al 16’ un gesto di sano fair play da parte di Senè che dopo aver vinto un contrato con Troisi al limite dell’area e ormai a tu per tu con l’estremo difensore avversario si ferma perché vede il difensore a terra dolorante e getta il pallone sul fondo. I presenti si alzano in piedi per applaudire il gesto sportivo dell’attaccante vallese. Subito dopo però il primo episodio dubbio di giornata. E’ il 21’ Tulimieri con un esterno destro taglia la difesa delle zebrette e serve in profondità per l’accorrente Sica; il pallone non arriva all’attaccante rossoblù perché è fermato di mano, in area, da Sasso. L’arbitro decreta il rigore, sul dischetto si presenta Braca che segna facendo esplodere il “Morra”, ma è una gioia che dura giusto qualche secondo perché l’arbitro indica la ribattuta del penalty perché Pingue è entrato nell’area al momento della battuta. Il signor Gozzi commette un errore tecnico poiché doveva concedere il gol e ammonire il furbesco giocatore della Battipagliese, invece tra lo sconcerto generale indica la ripetizione del rigore. Questa volta Braca tira, ma è bravo Loccisano a distendersi alla sua destra e parare. Al 38’ passano in vantaggio gli ospiti. Azione di contropiede ben orchestrata da Mallardo che serve Famiano appostato sulla destra dell’area di rigore, l’attaccante battipagliese si accentra e con un chirurgico destro mette la palla dove Spicuzza nulla può. La Battipagliese potrebbe anche raddoppiare al 44’ ma è bravo Spicuzza a deviare in angolo una punizione dai trenta metri battuta da Panico e indirizzata all’incrocio dei pali. Il secondo tempo inizia con Santosuosso che decide di far entrare De Cesare al posto di Anastasio e disponendo così la Gelbison con il 4/3/3 alla ricerca del gol del pareggio. I rossoblù fanno tanta pressione, ma poi si lasciano infilare di nuovo in contropiede al 62’ da Sparano che percorre indisturbato tutta la fascia crossa al centro dove c’è ben appostato Panico che di testa colpisce il palo. La palla ritorna sui suoi piedi ed è implacabile nel trafiggere Spicuzza. I padroni di casa non ci stanno e continuano a macinare gioco. Al 67’ De Cesare riesce a insaccare con una mezza rovesciata, ma il guardalinee segnala un fuorigioco inesistente perché l’attaccante vallese è tenuto in gioco da ben due difensori avversari. Al 72’ è Fariello che mette un bel pallone al centro dell’area dove Senè incorna bene, ma la palla termina alta sopra la traversa. Un minuto dopo è Pascuccio che non riesce a correggere di testa in rete, a pochi passi dalla linea di porta, una palla che gli è servita da Braca. Infine arriva il gol della speranza al 90’ con Senè che recupera palla al limite dell’area, supera due avversari e fa partire un fendente che si insacca nell’angolino lontano dove Loccisano nulla può. Quattro minuti di recupero non bastano a pareggiare e la Gelbison è costretta a capitolare per la prima volta tra le mura amiche.

Tabellino

Gelbison: Spicuzza, Fariello, Melcarne, Anastasio (46’ De Cesare), Pascuccio, Braca, Tulimieri (77’ Viciconte), Grimaudo, Senè, Amarante, Sica. A disposizione: Lista, Pecora, Manganelli, Santangelo, Dell’Isola. Allenatore: Pasquale Santosuosso

Battipagliese: Loccisano, Sparano, Carbonaro, Sasso, Follera, Troisi, Panico (86’ Cataruozzolo), Pingue, Odierna, Mallardo, Famiano (68’Guerrero). A disposizione: Primadei, De Feo, La Montagna, Magliano, Ripoli. Allenatore: Sergio Viscido

Arbitro: Daniele Gozzi di Siena (Mencagli-Tafuro)

Reti: 38’ Famiano (B), 62’ Panico (B), 90’ Senè (G)

Ammoniti: Melcarne e De Cesare (G); Loccisano, Sparano, Sasso, Follera, Troisi e Pingue (B)

Angoli: 5 a 4 per la Gelbison

Recupero: 2 minuti nel primo tempo e 4 minuti nel secondo tempo

Spettatori: 600 circa

Note: A inizio partita un minuto di raccoglimento per i militari italiani morti in Afghanistan. Assenti i tifosi ospiti per decisione della Prefettura di Salerno

Interviste

Pasquale Santosuosso (allenatore Gelbison): E’ la prima sconfitta in casa e prima o poi doveva succedere. Certo che speravamo succedesse il più tardi possibile. Abbiamo giocato bene, ma siamo stati sfortunati negli episodi. L’arbitro ha sbagliato molto e soprattutto sul rigore fatto ripetere, secondo me doveva concedere il gol e poi ammonire il giocatore della Battipagliese. Il secondo tempo lo abbiamo condotto sempre noi e potevamo tranquillamente portare a casa un punto. Ora ci aspetta il Cosenza mercoledì e anche se sappiamo che di fronte troveremo un’altra fortissima squadra dobbiamo far di tutto per racimolare i punti necessari alla salvezza.