Domnica sul Costa Concordia ho baciato Schettino e ci sarei andata a letto

0

«La sera del naufragio baciai Schettino e penso che se non ci fosse stato l’impatto saremmo finiti a letto». La moldava di 24 anni Domnica Cemortan torna a parlare della notte del 13 gennaio, quando la Costa Concordia si è incagliata sugli scogli del Giglio. La bionda riferisce nuovi dettagli sul suo rapporto con il comandante Schettino, originario di Meta in penisola sorrentina, indagato per la tragedia della nave Costa Concordia. Non ne possiamo più noi di positanonews, ma è impossibile non parlarne per noi che siamo riferimento di questo territorio della Campania in provincia di Napoli, visto che la cosa finisce sulla stampa internazionale. 

Sul ponte. In un colloquio con il tabloid britannico Daily Mail Domnica racconta che al momento dell’impatto con gli scogli si trovava sul ponte con il comandante. Domnica avrebbe ammesso al giornale non solo che lei «era stata sola con Schettino nella cabina di lui poco prima, durante la sera della tragedia, ma anche che si erano scambiati un bacio appassionato». 

«Su di me tanto fango». «Su di me è stata scritta tanta spazzatura e devo difendere la mia reputazione. Mi trattano come una specie di femme fatale, ma io non vado a letto con tutti», si difende poi la ragazza. «Sì, ero molto attratta da Capitan Schettino e lui mostrava un chiaro interesse per me. Ammetto di aver avuto una cotta per lui perché era bello e affascinante», dice lei, «ma non abbiamo fatto sesso». Poi ammette, scrive il Mail, di essere stata sola con Schettino nella sua cabina la sera del naufragio del Giglio e di averlo baciato appassionatamente. «Lui mi rispettava quando ero un membro dell’equipaggio. Ma quando ero una passeggera la cosa era differente. Penso che prima o poi saremmo finiti a letto, prima o poi, ma non lo saprò mai per via dell’incidente».

Il bagaglio nella cabina di Schettino. La bionda ha anche confermato al Daily Mail che il suo bagaglio si trovava effettivamente nella cabina di Schettino, ma che si trattava di una cosa temporanea in attesa che ci fosse una cabina pronta per lei. «Una volta mi disse che io ero sia bella sia intelligente. Quale donna non vorrebbe sentirsi dire queste parole?». 

«Dispiaciuta». «Sono molto dispiaciuta che siano morte tante persone – conclude Domnica – Fu un tragico incidente e la gente sta cercando qualcuno a cui dare la colpa. Forse ci fu un errore umano, forse il capitano è stato in qualche modo responsabile, io non lo so».