Maurizio Gargiulo Piano di Sorrento dipinto come il difensore di boxlandia. Non parlo con certi giornali

0

Piano di Sorrento. Maurizio Gargiulo attacca in un consiglio comunale fiume i giornali che lo dipingono come il “difensore di boxlandia”, dall’altra parte l’ex amico e compagno di battaglie politiche Giovanni Iaccarino replica “l’amministrazione si serve di altri giornali che fanno pubblicità non istituzionale come si dovrebbe”. Gargiulo ha ribattuto: “Fate l’opposizione mediatica. Non sono uscito solo su Repubblica e il Corriere sulla base di vostri comunicati, se questo è giornalismo…”. E la querelle è continuata fra numerose interrogazioni e l’ordine del giorno che ha fatto arrivare il consiglio in tarda nottata, diversi gli interventi interessanti come pure quello di Anna Iaccarino che proponeva di rendere possibile l’autotutela da parte del Comune nei confronti dei ricorsi per le multe onde evitare i giudizi pesanti sia per i cittadini che per l’amministrazioni in termini di spesa e di conflitto. 

Il diverbio Iaccarino-Gargiulo ha tenuto banco quasi per tutto il tempo del consiglio comunale con qualche intervento da parte di Ruggiero. Una seduta con un posizionamento degli assessori particolare, ai due rami si fronteggiavano gli assessori Gargiulo- Russo con l’opposizione composta anche da Anna Iaccarino e Antonio d’Aniello, i più attivi, al centro del plesso guidava il consiglio Giovanni Ruggiero affiancato da Vincenzo Iaccarino. Ad un certo punto del consiglio comunale è arrivato anche il tecnico Graziano Maresca sulla famosa delibera che poi in realtà è una revoca della precedente. Un comunicato chiaro e dettagliato sulla vicenda comunque nessuno è stato in grado di farlo nè sui giornali “cattivi” nè su quelli “buoni”. Va a capire che stanno combinando con questi parcheggi… Certo non vorremmo arrivare al livello della “lavandaia” ma ricordiamo che Montanelli – che di giornalismo, storia e vita, era maestro – diceva proprio questo: la comunicazione deve essere semplice ed immediata per far capire il popolo… tutto il resto è solo gestione del potere, meglio che nessuno capisca e meglio non dire niente se si hanno degli interessi da difendere. Non crediamo che questo sia il caso di Gargiulo ma per quanto riguarda i parcheggi sentiamo quello che ha detto uno dei maggiori esperti come l’avvocato Francesco Saverio Esposito sul Corriere della Sera (forse un giornale serio…): “Questa legge è un assurdo, tra l’altro non può certo superare i vincoli esistenti sul territorio-.. la cosa grave è l’abolizione dell’obbligo dei 36 mesi per vendere in regime di pertinenzialità, questo significa che la legge che consente i parcheggi in deroga ai vincoli perchè vi è necessità non ha senso proprio perchè facendo venire meno questo obbligo ne viene meno la necessità. L’articolo 6 della Legge 19/2001 imponeva ai costruttori la vendita dei box in regime di pertinenza con unità residenziali nel termine di 36 mesi dalla scadenza del procedimento amministrativo. Con inusitata tempestività il legislatore regionale, nel corpo dell’ultima finanziaria, ha cassato quel termine di 36 mesi, per cui oggi, a seguito della novella, i costruttori di mega parcheggi interrati potranno costruirli e detenerli, pur senza venderli, per un tempo indefinito: 10 anni, 20 anni e oltre. Un fatto di una gravità eccezionale che dimostra la strumentalità delle modifiche introdotte nell’interesse solo dei costruttori e, soprattutto, rimarca la circostanza che potranno, in assenza di qualsiasi programmazione e senza che ne sia stata accertata la necessità, essere realizzati altre centinaia di box che resteranno nella proprietà dei costruttori sine die”.