Sorrento, vendite "Villa Astor" e "Vallone dei Mulini". In arrivo calmorosi sviluppi.

0

Villa Astor, Di Nardo (Idv) “Per acquisto scenda in campo Fondazione Sorrento”.

Roma, 11 feb. – (Adnkronos) – “Sarebbe bello se il Comune di Sorrento potesse acquistare villa Tritone, ma non credo ci sia la possibilita’, la cifra e’ indescrivibile 35 milioni di euro. Secondo me potrebbe scendere in campo la Fondazione Sorrento. Dopo l’acquisto la fondazione la metterebbe a disposizione del Comune” Lo dice all’Adnkronos il senatore Nello Di Nardo, capogruppo dell’Italia dei Valori in commissione Ambiente, commentando la vicenda di villa Tritone, per la quale e’ stata depositata una richiesta di acquisto da parte di una ventitreenne moscovita, Kamilla Dzhanashiya, di 35 milioni di euro.

Ieri il consiglio comunale ha approvato all’unanimita’ la proposta, in cui si sollecita il ministero dei Beni Culturali a esercitare il diritto di prelazione. ‘‘Non credo che le casse comunali siano in grado di acquistarla”, aggiunge “Certamente se si utilizzasse questa villa come risorsa per il turismo potrebbe dare anche una riposta economica” aggiunge “Sorrento vive di turismo”.

 

Vallone dei Mulini, Antonetti (Idv) “In giornata spiegheremo i clamorosi sviluppi sull’intreccio tra politica ed affari immobiliari che si cela dietro questa vicenda”.

Sul tema della vendita di un’altra perla della costiera sorrentina, lo storico “Vallone dei Mulini”, interviene anche l’avvocato Giovanni Antonetti, coordinatore Idv in Penisola Sorrentina: «Stiamo esaminando tutta la documentazione risultante dai pubblici registri, ipotecari e catastali; allo stato possiamo affermare con certezza che esiste solo un contratto preliminare di vendita, sottoscritto il 23 dicembre 2011, e l’unica parte promittente acquirente risulta essere Mariano Pontecorvo, alla data Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Sorrento, dimessosi, come si evince dalle dichiarazioni stampa, esattamente il giorno dopo!”.