Amalfi, karate: altra prestazione maiuscola della Tsunami Dojo

0

Domenica 5 Febbraio sarà ricordata dagli sportivi amalfitani e dagli amanti delle arti marziali come una data importante. Infatti a Trani, ridente cittadina del litorale pugliese si è tenuta una tappa del campionato italiano della FIK (Federazione Italiana Karate), valevole per l’ammissione alla nazionale, al quale hanno partecipato molte tra le più importanti squadre d’Italia.

A questo importante appuntamento non potevano mancare, nonostante la neve che ostruisce le strade, i ragazzi della “Tsunami Dojo” del brillante Maestro Antonio Anastasio di Amalfi.

La squadra amalfitana si è distinta fra tante altre forti compagini con delle grandi prestazioni, riuscendo a conquistare ben due podi, in due differenti categorie.

Nella categoria “Cadetti” il giovanissimo Alessandro Anastasio ha conquistato il bronzo con un’ottima condotta, mentre nella categoria “Senior” l’atleta Alfonso Anastasio, a seguito di un ottimo percorso e dopo una entusiasmante ed appassionante finale contro l’amico Gennaro Amitrano, già Nazionale, è riuscito ad occupare il posto d’onore conseguendo l’argento.

Con questa gara la Tsunami Dojo prosegue, dopo la “Golden Cup” svoltasi a Pisa, il suo cammino verso prestigiosi ed ambiti traguardi che molto probabilmente apriranno agli atleti amalfitani le porte della nazionale.

Il Karate (空手) è un’arte marziale sviluppata nelle Isole Ryukyu, (oggi Okinawa), in Giappone. Fu sviluppato dai metodi di combattimento indigeni chiamati: te( letteralmente: “mano vuota”) e dal kenpō cinese. Prevede la difesa a mani nude, senza l’ausilio di armi, anche se la pratica del Kobudo di Okinawa, che prevede l’ausilio delle armi tradizionali (Bo, Tonfa, Sai, Nunchaku, Kama), è strettamente collegata alla pratica del Karate. Attualmente viene praticato in versione sportiva (privato delle sua componente marziale e finalizzata ai risultati competitivi tipici dell’agonismo occidentale) e in versione arte marziale tradizionale per difesa personale.


Lascia una risposta