Napoli imbiancata strade ghiacciata, donna morta ad Avellino. la Regione Campania dichiara emergenza

0

E’ stata dichiarata l’emergenza regionale in Campania. Su Positanonews monitoriamo in continuazione la Costiera amalfitana e penisola Sorrentina, situazioni critiche ad Agerola e Tramonti con strade impraticabili la mattina, importanti per il traffico veicolare sui Monti Lattari per la costa d’Amalfi da Castellammare e Sorrento per Agerola, a causa della chiusura per frana a Positano, e dall’Agro Nocerino – Sarnese per Tramonti e Ravello.

Fiocchi di neve sono caduti nella notte anche in pieno centro a Napoli. Per alcuni minuti uno spettacolo particolare ha coinvolto anche zone come piazza del Plebiscito e piazza Municipio, come riporta il quotidiano Il Mattino. La neve però si è sciolta al contatto con il suolo. Come nei giorni scorsi, rimangono innevati la zona collinare della città e il Vesuvio. Una coltre bianca si è formata solo sulle auto parcheggiate in diversi comuni sotto il vulcano ma le strade sono libere.

Anziana morta per assideramento. È deceduta nell’ospedale di Ariano Irpino (Avellino) una anziana donna, originaria di Casalbore, che secondo le prime notizie era stata ricoverata nei giorni scorsi per un principio di assideramento. Le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate. La donna aveva 81 anni. Sempre in provincia di Avellino vengono segnalate alla redazione di Positanonews varie situazioni di disagio e impreparazione nonostante l’Irpinia dovrebbe essere preparata a queste emergenze.

»> TRAFFICO, LA SITUAZIONE IN TEMPO REALE

Giunta regionale dichiara stato emergenza. Si è riunita in seduta straordinaria la giunta regionale della Campania presieduta da Stefano Caldoro. Nel corso della riunione, convocata per fare il punto della situazione in seguito al maltempo che sta interessando il territorio regionale, è stata approvata una delibera con cui è stato dichiarato lo stato di emergenza di tipo ‘B’, ossia a carattere regionale. Il provvedimento rende immediatamente disponibile per l’emergenza maltempo un primo stanziamento di risorse pari a 500mila euro.

L’assessore alla Protezione civile di palazzo Santa Lucia Edoardo Cosenza ha espresso soddisfazione. «Ringrazio – ha detto – il presidente Caldoro per aver voluto tempestivamente convocare una seduta di Giunta dedicata esclusivamente al maltempo, e per la sensibilità manifestata, assieme all’ assessore al Bilancio Giancane e all’intera Giunta, per lo stanziamento deciso, pur in assenza del bilancio gestionale. «È un primo appostamento di risorse per far fronte alle necessità immediate che ci verranno segnalate dalle Prefetture, e per realizzare opere di sussidiarietà nei confronti di Comuni ed enti locali. Abbiamo già provveduto – ha aggiunto Cosenza – ad un primo approvvigionamento straordinario di sale per la viabilità stradale». Le segnalazioni di emergenza vanno inoltrate alle Prefetture e per conoscenza alla Sala operativa regionale di Protezione civile.

Salerno-Reggio. Nevica sull’A3 Salerno-Reggio Calabria nella zona del Pollino ed a Frascineto, per i veicoli leggeri, c’è l’obbligo di catene montate. I mezzi pesanti vengono fatti uscire a Sibari quelli diretti a nord e a Lagonegro per Falerna quelli diretti a sud. Sta nevicando e c’e l’obbligo di catene a bordo anche a Piano Lago. Sulla statale 107 Silana Crotonese transito consentito con catene o pneumatici di neve. Precipitazioni abbondanti nella notte su Sila, Aspromonte, Pollino e Serre.

È stata riaperta ai mezzi pesanti l’autostrada A16 Napoli-Canosa dopo alcune ore di blocco per consentire lo spazzamento e lo spargimento del sale sulle carreggiate. Ai caselli di Grottaminarda e Avellino Est hanno stazionato lunghe code di tir e automezzi superiori alle sette tonnellate e mezza bloccati dal filtraggio delle pattuglie della Polstrada. Inevitabili i disagi alla circolazione su raccordi esterni e sulla viabilità cittadina. Dalla scorsa notte è ripreso a nevicare in tutta la provincia di Avellino, dove da oggi sono chiusi tutti gli uffici pubblici e le scuole di ogni ordine e grado.

Vesuvio, strada chiusa per ghiaccio. Temperature molto fredde tra Napoli e provincia e Vesuvio ricoperto di neve: la Protezione Civile di Ercolano (Napoli) informa che la strada che dalla località “La Siesta” conduce al Cratere è stata chiusa al transito delle auto per la presenza di ghiaccio.

Si profila un’altra giornata di emergenza. Ad Atripalda è saltata la linea elettrica, i tecnici dell’Enel stanno lavorando per risalire al guasto. Ad Avellino, dove per tutta la notte almeno duecento persone sono state impegnate a spalare la neve nei punti critici della città, si circola soltanto con catene montate. In Prefettura è in corso una nuova riunione dell’Unità di crisi presieduta dal prefetto, Ennio Blasco. Numerose le richieste di intervento a vigili del fuoco e forze dell’ordine da parte dei residenti nelle contrade rurali impossibilitati a spostarsi e ad approvvigionarsi di generi alimentari di prima necessità. Critica la situazione nei comuni dell’Alta Irpinia.

Benevento, centinaia senza elettricità. «Attualmente le persone senza elettricità sono scese a circa 15mila». Lo ha indicato l’ad dell’Enel, Fulvio Conti, durante Porta a Porta. L’Enel, ha proseguito, «è riuscita a riportare il collegamento elettrico a oltre il 90% dei 160mila cittadini che fino a tre giorni fa erano scollegati». Le difficoltà maggiori, ha detto Conti, sono nel frusinate (9mila senza luce), nella zona del Nord Aniene (4mila) e un migliaio tra Benevento e Abruzzo.

Anziana isolata, carabinieri portano medicine. Non si fermano i soccorsi dei carabinieri alla popolazione rimasta isolata a causa delle neve in provincia di Benevento. A Circello, il comandante della stazione di Colle Sannita, è riuscito a raggiungere faticosamente a piedi, in una contrada isolata, la casa di un’anziana pensionata, vedova, rimasta bloccata da tre giorni nella propria abitazione a causa della neve che le impediva materialmente di uscire di casa, portandole provviste e medicinali, che nel frattempo erano terminati. La donna, in preda allo scoramento, aveva telefonato ai militari chiedendo aiuto. Per evitare il possibile crollo di un tetto di una locale azienda agricola, gli stessi militari di Colle Sannita hanno operato insieme ai vigili del fuoco, alle ditte incaricate dell’esecuzione del “piano neve” e alla locale Polizia municipale, a puntellare e mettere in sicurezza il tetto di una stalla che rischiava seriamente di crollare per il peso della neve, con il pericolo di seppellire le oltre 150 pecore che avevano trovato riparo. Da parte dei carabinieri che operano nel Fortore, continua anche l’accompagnamento del personale sanitario per lo svolgimento delle visite, poichè i medici sono, di fatto, impossibilitati a muoversi dalla loro sede per le proibitive condizioni meteorologiche.