SANT´AGNELLO COLLI DI FONTANELLE: FURTO A TABACCHERIA E BAR CON FIAMMA OSSIDRICA

0

Sant’Agnello , Penisola sorrentina costa di Sorrento furto senza precedenti ai Colli di Fontanelle: con la fiamma ossidrica,svaligiato il bar e il tabaccaio. i ladri hanno razziato ricariche telefoniche, sigarette, marche da bollo,casse delle slot machine ed altri beni,sia del bar,che del tabaccaio.Più di 50mila euro tra incassi, slot machine, tabacchi e altri articoli in vetrina. È il bottino del doppio colpo messo a segno da una banda di ladri nella tabaccheria e nel bar di piazzetta Carlo Sagristani, nella frazione dei Colli di Fontanelle. Nella notte tra venerdì e sabato, i ladri hanno rubato nei due esercizi che si trovano nella piazza principale del borgo collinare santanellese. Stando alle prime ricostruzioni, come riporta il quotidiano Il Mattino a firma di Ciriaco Viggiano,  gli autori del raid, aiutandosi con una fiamma ossidrica, avrebbero spezzato la catena che i titolari della tabaccheria utilizzavano per chiudere la porta di ingresso del locale. Diversa la dinamica per il furto all’interno del bar, a pochi passi dalla tabaccheria. Qui, uno dei ladri sarebbe riuscito a nascondersi all’interno del locale e, dopo aver atteso la chiusura, avrebbe spalancato le porte ai suoi complici. Una ricostruzione suggerita dalla mancanza di qualsiasi segno d’effrazione. 
Ieri mattina, non appena si sono accorti dell’accaduto, i gestori dei due locali hanno allertato gli agenti del commissariato di Sorrento. Sul posto ha effettuato un attento sopralluogo anche il personale della scientifica per i rilievi necessari a ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto. 
A quanto pare, a mettere a segno il colpo sarebbe stata una banda con un’ottima conoscenza dei luoghi e delle persone. Ma al vaglio delle forze dell’ordine c’è anche un altro elemento. I ladri, infatti, hanno fatto incetta di gratta e vinci: un indizio che lascia ipotizzare che a mettere a segno il doppio colpo siano stati delinquenti con un disperato bisogno di denaro. Ecco spiegata la preoccupazione degli abitanti del quartiere, da tempo alle prese con episodi di criminalità. 
A luglio scorso, un misterioso corto circuito provocò l’incendio di tre automobili, parcheggiate in via Lepantine. L’episodio spinse i residenti a presentare al Comune un esposto per chiedere più controlli e l’installazione delle videocamere di sicurezza. Fino ad oggi, però, nulla sembra essere cambiato. «È l’ennesimo attacco ai cittadini dei Colli – commenta l’assessore comunale Pasquale Esposito, che abita proprio a pochi passi dal luogo della rapina – Sono mesi che chiedo, invano, l’installazione delle videocamere: sull’ordine e la sicurezza, i cittadini non possono tollerare altri ritardi». 
Intanto si indaga per risalire alla gang del doppio colpo. Non si esclude che si tratti di persone che conoscono bene i due locali commerciali, forse anche clienti abituali.