Sorrento: degrado del centro storico. Antonetti (Idv): “Maggiori controlli a piazza della Vittoria”.

0

E’ recente la notizia, pubblicata su tutti i quotidiani regionali, dell’arresto di una persona intenta a cedere dosi di sostanza stupefacente e della segnalazione alla prefettura di due diciottenni; l’episodio, avvenuto a Sorrento, in pieno centro storico, in piazza Vittorio Veneto, ha destato sconcerto nella popolazione residente del quartiere, per la loro incolumità e di quella dei propri figli.

La situazione di degrado in cui versa questo angolo di paradiso della cittadina della costiera, era già stata segnalata più volte dall’Italia dei Valori, attraverso il coordinatore locale Giovanni Antonetti, che è ritornato sull’argomento con una dettagliata denuncia indirizzata al sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo ed all’Assessore alla Sicurezza Giuseppe Stinga, al Comando Vigili Urbani, nonché al Commissariato della Polizia di Stato, in persona del Vicequestore Antonio Vinciguerra ed al Luogotenente Nicola Mariniello, comandante della locale Stazione dei Carabinieri.

La situazione attuale è la seguente” si legge nel documento “il lato nord dell’edificio scolastico, sede dell’ Istituto Tecnico San Paolo, è letteralmente imbrattato da una serie di segni e graffiti; stessi segni tratteggiati campeggiano sull’asfalto della piazza della Vittoria, nonché sull’intero arredo urbano dell’area in oggetto (panchine, lampioni, blocchi che delimitano la piazza). Alla grave situazione “estetica” innanzi descritta, si aggiunge la presenza di una moltitudine di ragazzi che frequentano detto luogo, piazza della Vittoria, causando continui disturbi (schiamazzi, demolizione di segnaletica stradale, imbrattamento delle mura perimetrali del rinnovato istituto tecnico, distruzione di cassonetti di immondizia), anche e soprattutto nelle ore notturne, in totale spregio della normativa nazionale e dei regolamenti comunali esistenti, in materia di pubblica sicurezza; la confinante via Tasso viene continuamente percorsa in senso inverso rispetto a quello consentito, ed indicato da apposita cartellonistica stradale”.

Si denuncia poi il disagio dei cittadini “A tutt’oggi le doglianze provengono da una serie di condomìni dell’intero quartiere, da via Tasso a via Vittorio Veneto, da via San Paolo a piazza della Vittoria, i quali lamentano che la grave situazione descritta, a fondo comprensibile solo da coloro che ivi risiedono, più si addice a realtà degradate, in cui vige un clima da guerriglia urbana, che ad una cittadina come Sorrento, e per di più in un quartiere storico come quello in oggetto”.

Infine l’appello “al forte senso civico ed alla tutela dell’incolumità dei cittadini di cui l’Amministrazione del Comune di Sorrento, i Comandi Vigili Urbani, Polizia di Stato e Stazione Carabinieri di Sorrento, sono da sempre promotori” e la richiesta di “procedere all’immediata eliminazione e cancellazione dei segni, graffiti e murales innanzi indicati, grave segno di inciviltà e mancanza di decoro ed adottare le opportune misure preventive e­/o repressive ritenute necessarie (maggiore pattugliamento dell’area, apposizione di un sistema pubblico di videosorveglianza), onde eliminare in toto una problematica di ordine pubblico attualmente ancora allo stato embrionale, e quindi recuperabile”.