Costa, 11mila euro per ogni passeggero Al Giglio ricerche senza speranza

0

Indennizzo per il naufragio, accordo tra la compagnia e le associazioni dei consumatori. Si cercano i dispersi nel relitto

Accordo raggiunto tra le Associazioni nazionali dei consumatori e la compagnia Costa Crociere per l’indennizzo ai passeggeri dopo il naufragio della nave Costa Concordia al Giglio. La compagnia risarcirà ogni passeggero con 11mila euro. Intanto proseguono le ricerche nel relitto. Il tavolo di conciliazione tra i rappresentanti dei Consumatori e Costa Crociere, organizzato da Astoi Confindustria,ha indicato un rimborso forfettario di 11.000 euro a persona a titolo di indennizzo, a copertura di tutti i danni patrimoniali e non subiti,nel naufragio della Concordia da ogni passefggero,compresi i bambini. In una nota diffusa da Astoi si precisa che «l’importo forfettario concordato a titolo di risarcimento è superiore ai limiti risarcitori previsti dalle convenzioni internazionali e dalle leggi vigenti. Tale importo verrà riconosciuto indipendentemente dall’età del passeggero, considerando anche i bambini, sebbene non paganti. Costa si è impegnata altresì a non dedurre, da tale cifra, quanto eventualmente percepito dai clienti per rimborsi assicurativi legati a polizze individualmente stipulate». Le ricerche dei dispersi intanto continuano. I palombari della Marina Militare, al lavoro per favorire la ricerca dei dispersi nel naufragio della Costa Concordia, hanno fatto brillare una prima microcarica esplosiva per aprire un varco nel ponte 5. Poi vigili del fuoco, protezione civile e guardia costiera proseguiranno le ricerche nelle zone della nave prima inaccessibili.

IL MATTINO DI NAPOLI