PESCATORI PROTESTANO A MONTECITORIO SCONTRI CON BOMBE CARTA. ITALIA IN GINOCCHIO VIDEO

0

Mentre i Tir paralizzano l’Italia rimasta senza carburante Scontri davanti a Montecitorio, dove da stamani alcune delegazioni di pescatori protestano contro il decreto liberalizzazioni varato dal governo. Le forze dell’ordine hanno caricato i manifestanti dopo una raffica di bombe carta lanciate verso la camera dei deputati. Cinque pescatori sono rimasti feriti, due dei quali in maniera più seria: uno, con una sospetta frattura a una gamba, è stato portato all’ospedale San Giovanni, l’altro in codice verde al Santo Spirito. Altre tre persone sono state medicate per lievi contusioni sul posto dal 118. Intantom prosegue la protesta dei tir. Per i blocchi selvaggi nel casertano sono stati arrestati cinque autotrasportatori.

 Grida e insulti. Durante gli scontri i pescatori hanno gridato più volte «vergogna» verso gli agenti in tenuta anti sommossa. Dopo l’esplosione di un’ulteriore bomba carta le forze dell’ordine si sono avvicinate un’altra volta ai manifest