Capri ladri nella casa di Christian De Sica, ma non era un cinepanettone

0

 Capri ladri nella casa di Christian De Sica, ma non era un cinepanettone. Nella casa caprese di Christian De Sica, mentre un ladro tentava di scassinare la cassaforte, non c’era nessuno. E proprio la luce della torcia che stava usando per orientarsi ha attirato l’attenzione di una pattuglia della polizia che prestava servizio nella zona. Quando i poliziotti, passando in via Aiano di Sopra, zona residenziale dove si trova la villetta dell’attore, hanno notato quella luce fioca che si muoveva rapida dietro le finestre chiuse, si sono insospettiti. Quando hanno visto che il cancello d’ingresso del viale era aperto, hanno capito che qualcosa non andava.

POLIZIOTTI INSOSPETTITI – I due agenti sono entrati e hanno bloccato il topo d’appartamento. Con sé aveva attrezzi da scasso e un flex che doveva servire a scassinare la cassaforte. I poliziotti hanno accertato che l’uomo nel primo pomeriggio, aveva già rubato da quell’immobile diversi oggetti, facendovi ritorno nel tardo pomeriggio con il flex per scassinare la cassaforte. Così I.S., cittadino ucraino di 36 anni, è stato arrestato RESTITUITA LA REFURTIVA – I poliziotti hanno contattato la moglie di De Sica, che poco prima si era recata dai carabinieri per denunciare il furto subito. La donna è rientrata in possesso degli oggetti rubati rinvenuti dai poliziotti in via Traversa Corigliano, nella casa del ladro. L’ucraino è stato sottoposto al rito per direttissima: un anno di carcere e 500 euro di ammenda.