Rivoluzione Gelbison per battere l´Hinterreggio

0

VALLO DELLA LUCANIA – Rivoluzione Gelbison per cercare la vittoria in casa della capolista Hinterreggio. E’ questo che ha pensato mister Pasquale Santosuosso che afferma: “Così come domenica scorsa ho cambiato tre moduli nella stessa partita e abbiamo vinto contro l’Acireale, anche questa volta voglio sfruttare l’abilità e l’intelligenza dei miei uomini per mettere in difficoltà la capolista”. Santosuosso che non recupera l’infortunato Pascuccio, prevede di partire sempre con il 4/4/2 e con Spicuzza in porta, linea di difesa composta da Fariello e Melcarne terzini con Braca e Dell’Isola centrali. A centrocampo la rivoluzione più importante con Borsa che dovrebbe andare in panchina e Anastasio, sempre più convincente nelle sue prestazioni, che andrebbe a prendere il suo posto sull’out sinistro. Confermati Sica e Amarante, è quasi sicura la partenza da titolare di Grimaudo che va a sostituire Tulimieri: “In questo caso ritengo – dice il mister – più adatto Grimaudo ad affrontare questo tipo di partita. In attacco invece confermatissimo il duo Sica-Senè anche se Siano scalpita in panchina per esordire con la maglia rossoblù. “L’Hinterreggio – parla degli avversari Santosuosso – è una signora squadra che non scopriamo certo adesso, visto che occupa il primo posto in classifica. Sappiamo delle difficoltà che troveremo in terra calabra, ma alla stessa maniera vogliamo continuare nella nostra striscia positiva che abbiamo inaugurato nove domeniche fa. Quest’anno, – aggiunge – come dico spesso, è un campionato che si gioca sul filo dell’equilibrio quindi bisogna affrontare tutte le partite al massimo della concentrazione altrimenti si può andare incontro a brutte sorprese”. Un ultimo messaggio Santosuosso lo lancia al gruppo: “Voglio che i ragazzi mi seguano così come hanno fatto in queste giornate. Sono convinto che avendo un gruppo attento alle direttive del suo allenatore si può creare una forza difficile da fermare”. L’arbitro dell’incontro di domani, alle 14.30, è Luigi Pillitteri di Palermo coadiuvato da Selvaggio e Sangiorgio.