Nuovo agguato di camorra a Melito Riprende la faida degli «scissionisti»

0

 

Un pregiudicato, Patrizio Serrao, è stato freddato da alcuni colpi di pistola mentre rientrava in casa NAPOLI – Agguato di camorra a Melito, nel Napoletano. Nella notte un pregiudicato di 52 anni, Patrizio Serrao, è stato freddato da numerosi colpi d’arma da fuoco mentre stava per rientrare in casa sua, in via Umbria. Secondo una prima ricostruzione due sicari avrebbero avvicinato Serrao e l’avrebbero ucciso con una pistola calibro nove. Gli investigatori ritengono che l’omicidio si inserisca nella faida in atto all’interno del gruppo di camorra degli «scissionisti» che alcuni anni fa, dopo una sanguinosa guerra con decine di omicidi, era riuscito a prendere il sopravvento sul clan dei Di Lauro nel controllo degli affari illeciti nel quartiere Secondigliano e nel comune di Melito. Lo stesso tipo d’arma utilizzata per ammazzare Patrizio Serrao è stato usata anche nell’omicidio di Rosario Tripicchio avvenuto lo scorso 5 gennaio, a Giugliano. Lunedì 9 gennaio invece, sempre a Melito, due cadaveri bruciati sono stati trovati all’interno di un’automobile data alle fiamme nei pressi del cimitero. I cadaveri e si trovavano sul sedile posteriore dell’autovettura: l’ipotesi è che le due vittime siano state uccise altrove e poi collocate nell’auto bruciata.

FONTE IL CORRIERE DEL MEZZOGIORNO