Amalfi riconoscimento cittadinanza onoraria a Peppe Liuccio parte una petizione

0

Parte una petizione da Cittadinanza Attiva  per il riconoscimento della cittadinanza onoraria a Peppe Liuccio, giornalista e scrittore del Cilento che ha un ruolo importante nella storia della Costiera amalfitana. Liuccio onora Positanonews della sua collaborazione con una sezione interamente dedicata a lui ed ai suoi scritti. Abbiamo chiesto ad alcuni cittadini ed all’ex consigliere Mangieri cosa ne pensasse: “Liuccio ha avuto un ruolo rilevante nella storia di Amalfi e la proposta merita di essere presa in considerazione”. Facciamo nostra la proposta avanzata e abbiamo chiesto al professore cosa ne pensasse e se accetterebbe. “Certo che accetterei la cittadinanza onoraria di Amalfi – ha detto – Sarebbe preferibile che la decisione fosse presa all’unanimità dal Consiglio Comunale, come avviene sempre e dappertutto in tutti i paesi civili. Se poi la decisione verrà presa a maggioranza con un dissenso civilmente motivato di una minoranza ne prenderò atto. Pe me ricevere la cittadinanza onoraria di Amalfi sarebbe un onore e costituirebbe un riconoscimento per l’impegno profuso per la città come amministratore comunale, come presidente dell’Azienda del Turismo, come giornalista della RAI e della carta stampata, come romanziere e poeta. Nell’arco di circa 50 anni Amalfi è stata e resta ancora la mia città dell’anima, capace di scatenarmi emozioni sempre, entusiasmi per la sua grande storia, per la sua arte e per le sue bellezze paesaggistiche, ma anche rabbia per le gratuite ferite alla sua bellezza, che le vengono spesso inflitte in modo dissennato. Sono i sentimenti naturali e spontanei che si sentono per un territorio che si ama. Ed io Amalfi la amo alla follia, a volte in maniera addirittura patologica.

Qui di seguito la petizione

AL SIG. SINDACO COMUNE DI AMALFI

 

                                                                    AI SIGG. CONSIGLIERI COMUNALI

 

OGGETTO : RICHIESTA RICONOSCIMENTO CITTADINANZA

              ONORARIA AL PROF. GIUSEPPE LIUCCIO.

 

 

 

                                       MOTIVI DEL RICONOSCIMENTO

 

 

 

 

 

 

E’ stato consigliere comunale di Amalfi per due consiliature a partire dal 1964. In questa veste si battè per la difesa e la tutela dei Beni Culturali della città con una battaglia contro il Vescovo/Amministratore Apostolico di Amalfi che intendeva vendere il coro ligneo della Chiesa di San Benedetto, con un’eco su tutta la stampa nazionale ed internazionale. Battaglia vinta!

 

Assessore Comunale per una consiliatura con delega ai lavori pubblici. Impedì che la ditta Santo Pietro abbattesse un palazzo storico in Piazza dei Dogi per costruirvi un palazzo per civili abitazioni di stile moderno. Per questo subì pressioni e minacce d’ogni genere. La battaglia fu riportata con ampi servizi e titoli in prima pagina dalla stampa nazionale. Battaglia vinta!

 

Come Presidente dell’Azienda del Turismo rivoluzionò la gestione del turismo con manifestazioni culturali e di grande effetto spettacolare sui media nazionali ed internazionali, imponendo Amalfi all’attenzione dell’Italia, dell’Europa e del mondo con eventi che sono rimasti nella storia della città e non solo: 1) ModaMare; 2) L’Artista del Mese. Salvatore Quasimodo, Alfonso Gatto, Dino Buzzati, Diego Fabbri, Alberto Bevilacqua, Federico Fellini, Alberto Bevilacqua; 3) Mostre di rilievo internazionale: a) Arte Povera; b) Impatto percettivo, con le quali anche New York fece riferimento e riconobbe la superiorità di Amalfi. Oggi quegli eventi sono rievocati con mostre in tutta Italia, con riferimento a quelle di Amalfi del 1968 e di cui la grande stampa ancora parla; 4) Convegni/seminari di rilievo nazionale: a) Gli esperti Scientifici del Turismo (una sorta di università del turismo ante litteram); b) Il linguaggio filmico. Eventi nazionali di spettacolo: a) Il canzoniere del turismo; b) La più bella del mediterraneo; c) Il teatro in piazza (oggi è la norma, all’epoca – 1966 – era una rivoluzione). Allora Amalfi faceva tendenza ed era modello da imitare dalle altre località turistiche di grande richiamo nazionale. Proprio per questo Giuseppe Liuccio fu eletto in un memorabile congresso a Palermo Vicepresidente nazionale dell’ASATUR (Associazione delle Aziende del turismo) che fu un riconoscimento alla persona ma anche alla città di Amalfi. In quella veste organizzò convegni seminari e dibattiti a livello nazionale ed internazionale che rivoluzionarono la politica del turismo e per il turismo. Questi alcuni dei temi: La vendita della vacanza, Turismo e artigianato, Turismo ed enogastronomia, turismo ed erotismo, turismo e beni culturali, promuovere qualità. ecc.

 

Come Giornalista RAI ha realizzato numerose dirette su alcuni eventi di rilievo che si tenevano ad Amalfi: I congressi di sociologia ai Cappuccini; i convegni di medicina ai Cappuccini. La pentola del convento sempre ai Cappuccini; l’accademia di Cucina conventuale altomedioevale sempre ai Cappuccini. Tra le più memorabili: una di medicina con il grande ematologo Prof. Mandelli e quella radiofonica e televisiva di Italia 90 dedicata alla cucina spettacolarizzata e coprodotta dalla RAI e dalla Televisione Giapponese sul tema: Il Matrimonio di Amalfi. location: hotel Cappuccini.

 

Come giornalista della Carta stampata sono migliaia gli articoli scritti e che continua a scrivere su testate nazionali, regionali e locali, recuperando ed esaltando la memoria storica di Amalfi e della costiera, i suoi Beni Culturali e paesaggistici, le sue tradizioni, dimostrando competenza, professionalità e soprattutto grande amore per la città.

Come operatore culturale, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo, per rendere omaggio al grande Premio Nobel ha organizzato ad Amalfi tre mesi di eventi di livello mondiale con letterati ed intellettuali di grande spessore tra cui ben tre Premi Nobel (Derek Walcott, Toni Morrison, Rita Levi Montalcini).

 

Come letterato, poeta, romanziere, saggista ha scritto circa 40 libri, che hanno ottenuto premi e riconoscimenti di livello nazionale ed internazionale e tutti o quasi fanno riferimento direttamente o indirettamente ad Amalfi e alla sua Costiera.

 

Per questi motivi si sottopone al Sindaco ed al Consiglio Comunale il riconoscimento della CITTADINANZA ONORARIA al prof. Giuseppe Liuccio, che con la sua attività ha onorato la nostra città.

 

Data 07.01.2012                                                                     IL Coordinatore

                                                                                      Rag. Andrea Cretellaà