Sant´Agnello, strada sotto assedio dei botti

0

Ogni Capodanno la febbre dei botti dilaga. Spesso, complice il clima goliardico incentivato da fiumi di alcol, ci si lascia prendere troppo la mano. é accaduto a Sant’Agnello nella notte del primo dell’anno, dove via Don Minzoni è stata letteralmente presa di mira dai vandali. I fortunati che sono riusciti a trascorrere una serata tranquilla (nonostante il fracasso) non hanno goduto di un buon risveglio. Un cassonetto, contenente rifiuti organici, è stato completamente distrutto e le decorazioni all’esterno del noto Circolo Operaio “saltate in aria”. Inutile sottolineare le condizioni di quella strada, ridotta ad un vero campo di battaglia, con resti di botti sparsi un po’ ovunque. Paradossalmente quella zona è sottoposta a video-sorveglianza. Nonostante questo, è stata consumata la bravata in modo indisturbato. Non sono mancati negli scorsi anni episodi tragici dovuti all’utilizzo indiscriminato dei botti. Molte persone ci hanno rimesso delle dita, altre addirittura la mano. Scarsi sono i controlli ai negozi autorizzati nella vendita di tali merci, non sempre i gestori chiedono la verifica dei documenti qualora un minorenne si presenti per comprare. Non bisognerebbe mai prendere sotto gamba la pericolosità di questi prodotti “ludici”. Va bene festeggiare, ma con responsabilità.