Costa d´ Amalfi ragazzo di Minori colpito da petardo ricoverato in ospedale. Allarme per Capodanno

0

(Anteprima) Un ragazzo della costiera amalfitana, esattamente di Minori, D.A., di 30 anni è rimasto ferito ad una mano e al torace  durante la notte di Natale a causa dello scoppio di un petardo lasciato forse abbandonato sul lungomare California . E’ stato trasportato all’ospedale costa d’ Amalfi di Castiglione di Ravello e poi trasportato  a Cava dei Tirreni in provincia di Salerno per essere sottoposto alle cure del caso.

Avrebbe “calciato” un grosso petardo inesploso trovato sul lungomare di Minori, procurandone lo scoppio. E l’improvvisa deflagrazione ha causato a un trentenne di Minori, A.D., la frattura della dita di un piede e ustioni ad una gamba e ad un braccio, oltre che diverse escoriazioni. • Questa la dinamica dell’incidente avvenuto nella notte tra il 24 e il 25, o almeno quella ricostruita dai carabinieri della stazione di Maiori, diretti dal maresciallo Giuseppe Loria, che indagano sull’accaduto. Insomma una serata spensierata ha rischiato di trasformarsi in tragedia. Per fortuna, però, i danni originati dal grosso petardo non sono stati tanto gravi e, soprattutto, non hanno determinato lesioni irreparabili. L’episodio, comunque, ha scosso l’intera comunitá della Costiera e rovinato l’atmosfera natalizia che si respirava nel caratteristico paese del comprensorio amalfitano, dove il programma delle manifestazioni è stato dedicato a Francesca Mansi, la ragazza travolta da fango durante l’alluvione di Atrani dello scorso anno. • L’incidente si è verificato poco dopo le 2 di notte e il giovane, subito dopo essere stato investito dall’esplosione, è stato soccorso e trasportato presso l’ospedale Costa d’Amalfi. Nel nosocomio della Divina, nel frattempo, era stata messa in moto la macchina per far fronte ad emergenze di questo tipo e i medici di turno, non appena è giunto il paziente, l’hanno sottoposto ai controlli del caso per appurare se lo scoppio avesse potuto provocare ulteriori danni. Gli esami diagnostici, per fortuna, non hanno riscontrato ulteriori lesioni, per cui si è provveduto ad eseguire le terapie idonee e a suturare le ferite. Il trentenne di Minori, quindi, è rimasto in osservazione e, soltanto dopo la stabilizzazione delle sue condizioni è stato trasferito all’ospedale di Cava de’ Tirreni, dove è tutt’ora ricoverato. Gaetano de Stefano

 

Lanciamo un allarme per Capodanno, invitiamo tutti a far maggiore attenzione e ricordiamo pure che lasciare fuochi abbandonati è un reato se essi comportano un danno

Se leggete questa notizia su qualche altra testata come al solito è stata ripresa senza citare la fonte da Positanonews.it