Costiera amalfitana fuochi d´artificio tolleranza zero. Controlli dei carabinieri

0

Tolleranza zero per i botti proibiti in Costiera amalfitana . E’ la parola d’ordine della Compagnia dei carabinieri di Amalfi, diretta dal capitano Alberto Sabba e, perciò, alla vigilia delle festivitá natalizie, i militari hanno intensificato ancora di più i controlli, monitorando l’intero territorio, proprio per evitare che sul comprensorio amalfitano possano giungere i micidiali tracchi. • Veri e proprio ordigni, potenzialmente pericolosissimi per l’incolumitá pubblica, che se maneggiati con poca perizia, possono causare gravi conseguenze per chi tenta di farli esplodere. E, non di rado, si sono verificati anche incidenti piuttosto gravi ai danni degli incauti e improvvisati “fuochisti”, in particolar modo a Positano dove, qualche anno fa, dei botti inesplosi e raccolti da alcuni ragazzi, deflagrarono improvvisamente, facendo temere per la loro vita. • Proprio per evitare che si possano ripetere casi del genere, in tutti i paesi della Divina i carabinieri stanno intervenendo per impedire l’arrivo e la conseguente compravendita degli esplosivi. La prova del nove c’è stata nel corso dei festeggiamenti di Sant’Andrea Apostolo, Patrono di Amalfi, dove era usanza, soprattutto tra i più giovani, trascorrere la notte bivaccando e facendo esplodere potenti cipolle, alcune delle quali, negli anni addietro, avevano anche causato diversi danni sia all’arredo pubblico che a negozi. Il piano predisposto dai carabinieri, invece, ha fatto sì che la notte della vigilia trascorresse senza alcun atto vandalico, proprio grazie agli specifici controlli predisposti dal comando di via Casamare. • E, anche in occasione della vittoria del Napoli contro il Villareal i militari dell’arma, insospettiti per alcune potenti esplosioni provenienti da una zona di Ravello, hanno voluto vederci chiaro, ispezionando l’area in cui erano stati sparati i botti, per verificare se qualcuno avesse potuto custodire un piccolo “arsenale”. Un controllo capillare. Gaetano de Stefano