BAGNASCO: "ICI ALLA CHIESA? POLEMICA SENZA FONDAMENTO"

0

CITTÀ DEL VATICANO – «Io spero che la trasparenza dei dati» sul pagamento dell’Ici da parte della Chiesa, pubblicati a più riprese in questi giorni dal quotidiano dei vescovi Avvenire «possa spegnere ogni polemica perchè non ha fondamento». Lo ha detto il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco.
Il presidente della Cei si è detto disponibile a «chiarire, a fare alcune precisazioni laddove nella formulazione di qualche punto della legge» che stabilisce esenzioni Ici per gli enti no profit, «queste precisazioni si rivelino necessarie».

“8 PER MILLE TUTTO IN CARITÀ” «Certamente non esiste la cresta dei vescovi perchè tutto quello dell’otto per mille che non va per il sostentamento del clero va per la carità delle diocesi, in Italia come all’estero, nelle mense, nelle varie opere di assistenza e solidarietà che la Chiesa fa da sempre e va anche per le opere pastorali, gli oratori e la manutenzione delle chiese». È quanto ha precisato il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, a margine di un convegno promosso da Retinopera.
«Certamente non esiste la cresta dei vescovi -ha detto il cardinale Angelo Bagnasco a margine del convegno in corso all’Università Gregoriana di Roma- perchè tutto il resto dell’otto per mille che non è destinato al sostentamento del clero va per la carità, in Italia e all’estero, per opere di solidarietà che la Chiesa fa da sempre, e va anche per opere pastorali, oratori e manutenzione delle chiese. Tutto è trasparente e rendicontato come risulta dai rendiconti pubblici che sono sul sito internet della Cei».
«Le cifre -ha aggiunto il cardinale- sono sotto gli occhi di tutti, i nostri stipendi sono dell’ordine di circa 1.300 euro anche se qualcuno di molto autorevole dice che sono troppo modesti, per noi sono più che sufficienti e ringraziamo il Signore».

fonte:leggo