IL GENOA VINCE 2-0 SUL CAMPO DEL SIENA

0

Tre punti importantissimi per il Genoa. I rossoblu, nell’anticipo della 15.esima giornata di Serie A, vincono 2-0 sul campo del Siena. Dopo uno primo tempo privo di emozioni, la partita offre il meglio nella ripresa. Al minuto 57 il vantaggio del Grifone con Marco Rossi, che sfrutta una brutta uscita del portiere Brkic. I bianconeri reagiscono, ma Destro colpisce la traversa (68′). Nel recupero il gol di Palacio in contropiede.

 

LA PARTITA
All’Artemio Franchi
c’è molta paura di perdere e la partita ne risente. Siena e Genoa sono in crisi di risultati e c’è bisogno di risollevare il morale di due piazze molto calde. Un primo tempo in cui si pensa prima a non prenderle che a darle. I rossoblu, vista la superiorità a centrocampo, provano a fare la partita, ma non riescono mai a trovare il guizzo vincente sotto porta. Buona la qualità di Merkel che detta i tempi per gli inserimenti di Constant, abbastanza in palla. Palacio fa i soliti ottimi movimenti, ma c’è anche da registrare la nota dolente Ze Eduardo. L’ex Santos lanciato dal primo minuto da Malesani dimostra tutti i limiti di condizione con poco movimento e ancora meno palloni toccati. Dall’altra parte c’è solo un Calaiò volenteroso e più volte alla conclusione. Per l’attaccante senese c’è solo da aggiustare un po’ la mira.

Tutto qui il primo tempo, mentre la ripresa è tutto un altro film. Zero cambi, ma in campo i ritmi si alzano. Il Genoa trova il vantaggio al 57′ e da lì la partita si fa divertente e ricca di emozioni. Marco Rossi si fa trovare pronto alla battuta a rete dopo la pessima uscita di Brkic, che si scontra col compagno Del Grosso, messo ko e sostituito da A. Rossi. Il vantaggio rossoblu apre gli spazi e i bianconeri provano ad agguantare il pareggio. Poche idee per gli uomini di Sannino che però avrebbero anche la palla buona per l’1-1 di rimpallo. Siamo al 68′ quando su una conclusione ribattuta dal neoentrato Mannini finisce sui piedi di Destro che davanti a Frey sceglie la soluzione di potenza e la palla si stampa sulla traversa. Finisce lì il Siena che neanche l’ultimo disperato tentativo di Sannino (dentro Larrondo per D’Agostino) rianima. Il Genoa se la ride e dopo aver sfiorato il raddoppio con Pratto lo trova nel recupero con un contropiede perfetto che spedisce Palacio in gol. 

Per il Siena è crisi vera e quello che più preoccupa è non aver visto la grinta e il solito gioco imposto dall’allenatore. Calo di tensione per i bianconeri che può costare caro la classifica inizia a far paura. Bene, anzi meglio, il Genoa che non sfodera una grande prestazione ma porta a casa tre punti. Grande sorriso di Malesani che salva la panchina. D’altronde l’allenatore rossoblu non è uno che si arrende tanto facilmente, insomma non è un “mollo”.

LE PAGELLE

Zè Eduardo 5 – La sua prima da titolare in Italia non è da ricordare. Cinquanta minuti di poco o nulla e si fa notare solo una volta: quando viene ammonito per proteste nei confronti del guardalinee. L’attaccante brasiliano ha fatto molto di più nei quindici minuti contro Milan che oggi all’Artemio Franchi. Sarà un caso, ma quando esce il Genoa sblocca il risultato…

Destro 5 – L’attaccante senese non riesce a far male al suo passato e alla squadra che tuttora ne detiene il cartellino. E pensare che Mattia avrebbe pure una grandissima occasione, ma preso da un attacco di buonismo decide di graziare gli ex compagni calciando sulla traversa.

Merkel 6,5 – Partita intensa e di qualità con la prodezza nel finale: un assist ‘no look’ di testa che lancia Palacio al raddoppio. Entra anche nell’azione del primo gol quando mette paura a Brkic con la sua presenza.

Brkic 5 – Le buone parate del primo tempo vengono cancellate da un’uscita fantozziana che condanna i suoi la sconfitta. Papera che rende la partita più divertente, ma dolorosa per la sua causa. Il talento c’è, ma è ancora da sgrezzare. Handanovic è ancora lontano.

D’Agostino 5 – Il Siena non è lo stesso di sempre perché l’ex Fiorentina è in serata no. Il centrocampo del Genoa sovvrasta quello senese e lui non fa niente per invertire la tendenza.

Calaiò 6 – Volenteroso e basta. E’ il più in forma dei bianconeri e mette paura quattro volte a Frey. E’ in ogni azione offensiva dei padroni di casa.

 

IL TABELLINO
SIENA-GENOA 0-2
Siena (4-4-2):
Brkic 5; Vitiello 5,5, Contini 5,5, Terzi 5, Del Grosso 5 (14′ st A. Rossi 5); Grossi 5,5 (21′ st Mannini 6), D’Agostino 5 (32′ st Larrondo sv), Gazzi 5,5, Brienza 5,5; Destro 5, Calaiò 6. A disp.: Pegolo, Rossettini, Bolzoni, Reginaldo. All.: Sannino 5

Genoa (4-3-1-2): Frey 6; Mesto 6, Dainelli 6, Granqvist 6,5, Moretti 6 (26′ st Jankovic sv ); M.Rossi 6,5, Veloso 6 (13′ st Seymour 6), Constant 6; Merkel 6,5; Zé Eduardo 5 (10′ st Pratto 6), Palacio 6,5. A disp.: Lupatelli, Jorquera, Sampirisi, Caracciolo. All.: Malesani 6,5
Arbitro: Guida
Marcatori: 12′ st M. Rossi, 46′ st Palacio 
Ammoniti: Ze Eduardo, Constant (G), A. Rossi, Gazzi, Contini, Brienza (S)
Espulsi: –

Fonte.sportmediaset

visita il mio blog

http://calcionapoli.positanonews.it