Ravello Sense niente elezioni, il consorzio modifica lo Statuto

0

Niente elezioni per il consorzio Ravello Sense che per evitare la crisi ha preferito optare per la modifica dello Statuto questo pomeriggio. Entro dicembre ci dovrebbero essere le modifiche statuarie che avevano provocato le proteste di molti soci. Ad essere presenti oggi all’auditorium Oscar Niemeyer solo una quarantina di soci su 70. Metà dei soci vorrebbero abbandonare e si rischia il crollo o il completo rimodulamento dell’ente della Città della Musica, questo è il leit motiv dell’assemblea dei soci che avrebbe dovuto  rinnovare le cariche, fra cui quella di presidente tenuta da Giorgio Vuilleumier.  806 le quote sociali, per un capitale di 40300 euro, di cui il 53% sono detenute da soli dieci consorziati, albergatori che per statuto conservano la maggioranza anche ai voti, è questa la principale pietra dello scandalo. Per superare l’impasse si pensa a una personalità di rilievo, qualcuno ha pensato anche a De Masi. Tutto il territorio ha gli occhi puntati sulla Città della Musica . Se crolla il consorzio di Ravello, rischiano di crollare anche i consorzi di Positano Life Style e Amalfi, o almeno si apre un campanello di allarme per gli altri due consorzi della costiera amalfitana.   La mancata partecipazione e comunicazione, come già segnalato da positanonews, con un sito internet fermo oramai da mesi, sono alla base di questo scollamento fra i grandi e i piccoli, guidati da Dario Cantarella. Insomma, intorno al consorzio, nonostante l’appalto dell’auditorium Oscar Niemeyer, e altre iniziative e partecipazioni a borse del turismo, serpeggia un pò di malcontento e forse la modifica dello Statuto potrebbe evitare la fine del consorzio per un nuovo rilancio.