´L´Unità d´Italia a tavola´, incontro cultural-gastronomico alla Fondazione Mondragone di Napoli

0

L’eroe dei due mondi? Rimesso al mondo da brodetto di anguille e ravanelli rossi che sgranocchiava senza neppure condirli. Mentre il conte di Cavour amava fegati e fegatini. E Vittorio Emanuele II la ’trota’ in carpione con polenta che gli cucinava la ‘bela Rusin’, alias Rosa Vercellana, contessa di Mirafiori e Fontanafredda. Il Risorgimento è servito nell’happening cultural-gastronomico ‘L’unità d’Italia a tavola’ organizzato venerdì 2 dicembre, alle 17.30, nella sala conferenze della Fondazione Mondragone-Museo del Tessile e dell’Abbigliamento ‘Elena Aldobrandini’, in piazzetta Mondragone 18 a Napoli, dall’associazione Incontri Napoletani con la collaborazione delle delegazioni campane dell’Accademia Italiana della Cucina e la sezione napoletana della FIDAPA.

 

Un viaggio fra storia risorgimentale e buoni sapori,  ispirato all’ultimo libro di Germana Militerni Nardone       ‘ Garibaldi, l’Unità d’Italia sul piatto’ ( Guida),  tra i finalisti 2011 del Premio di letteratura enogastronomica      ‘ Minori. Costa d’Amalfi’, nel quale  l’autrice – giornalista e delegata accademica della Cucina per l’area flegrea –  approfondisce le abitudini alimentari, capta i gusti ed i piatti preferiti dei protagonisti del Risorgimento, le loro debolezze, i tic e le passioni, senza mai perdere di vista i vari contesti socio ambientali che fanno da sfondo alle vicende storiche dell’Unità. A cominciare da Garibaldi, quest’uomo dal carattere schietto e la forte personalità, gran conoscitore della gastronomia italiana e le sue cantine, che pur privilegiando alimenti essenziali e semplici come zuppe di legumi, formaggio e pesce, seppe stare alla tavola dei re e di tutti i politici italiani e stranieri contemporanei. Così da unire prima ancora che la Patria sotto un’unica bandiera, la varietà dei sapori delle cucine.

 

Insieme all’autrice, ne discuteranno la giornalista e critica letteraria Armida Parisi e lo scrittore gastronomo Sergio Corbino, delegato accademico per la Penisola sorrentina e fondatore della delegazione campana della Chaine Rotmeurs, la più antica associazione gastronomica mondiale. Modera il giornalista Pasquale Esposito. Cocktail di benvenuto per gli ospiti e visita alle collezioni permanenti del Museo ‘Elena Aldobrandini’ a cura della presidente della Fondazione, Giulia Parente.

 

Info:

Incontri Napoletani

arte cultura attualità

Relaz.Esterne/ Ufficio stampa

Patrizia Giordano                    

info@incontrinapoletani.it                                                   

www.incontrinapoletani.it

tel.fax ( +39)081/681519

mobile 333/5741786