Piano di Sorrento incendio e masso rischia la vita carabiniere. Fiamme al di sotto ed al di sopra della Statale

0

Un incendio sviluppatosi subito dopo che è stato comunicata la soluzione per la chiusura che durava dal 26 ottobre e gli stanziamenti di fondi da parte della Regione Campania per i lavori che dovrà appaltare il genio civile in danno all’Anas.

INCREDIBILE COINCIDENZA PER PALUMBO

“Una incredibile coincidenza che lascia pensare, ma per me è una coincidenza, pensiamo ad affrontare anche questa situazione ed uscircene al più presto” dice Antonio Palumbo assessore del Comune di Positano accorso sul posto insime a tutte le forze dell’ordine locali, dai vigili, alla guardia di finanza e la protezione civile comunale di Positano.

CARABINIERE DI SORRENTO RISCHIA LA VITA

dall’altra parte arrivavano vigili del fuoco, Anas, pronto intervento della Regione Campania, protezione civile di Piano di Sorrento e carabinieri del nucleo operativo della radiomobile. Ed entrambi i carabinieri si sono prodigati per far sloggiare le persone dal posto, mentre allontanavano le persone un masso è precipitato a pochi centimetri da uno dei due che ha rischiato davvero la vita per porre in salvo delle persone.

DINAMICA DELL’INCENDIO

La dinamica dell’incendio è ancora confuso. Ma il fuoco è partito da due parti, dal di sotto della strada statale amalfitana 163, proprio nel tratto dove è interrotta la strada dal 26 ottobre, e al di sopra. Fiamme “intelligenti” che hanno interessato proprio il tratto dove non vi sono reti ne tipi di interventi. Da li si sono staccati i massi dopo l’incendio. Subito dopo per tutta la giornata sono stati in azione gli elicotteri. Centinaia di persone hanno percorso strade alternative per tornare a casa.