Fiorenza Calogero in concerto fra storia e tradizione

0

 

Un viaggio nella melodia napoletana dalle origini della canzone partenopea ai grandi successi internazionali. A condurre il pubblico in tale percorso sarà la voce di Fiorenza Calogero che il 4 dicembre, alle 20, a Castellammare di Stabia, presso la cooperativa di teatro Cat, terrà un concerto dal titolo “La melodia napoletana”. Sarà un tuffo nel passato, alla riscoperta delle radici del territorio, attraverso la musica e le emozioni che soltanto alcuni suoni sanno trasmettere. La cantante comincerà con il famosissimo “Canto delle lavandaie del Vomero”, che risale al duecento e che rappresenta la prima di una lunga serie di composizioni popolari, le cosiddette “villanelle”, che hanno qualificato Napoli e la sua passione per la musica. Si tratta di un brano che l’artista ha interpretato nel film “Passione” di John Turturro nella splendida cornice di piscina Mirabilis. Seguirà “Lo Guarracino” che racconta l’intreccio amoroso ambientato nei mari del golfo di Napoli attraverso fantasiose vicende costituite dalle voci e dai suoni della vita sottomarina. Fiorenza Calogero continuerà con un ricco repertorio tra cui “Bambenella” e “La Rumba degli scugnizzi”, omaggi allo stabiese Raffaele Viviani, “Rundinella” e “Scetate”, brani interpretati dalla cantante nell’album “Sotto il vestito… Napoli”, uscito quest’anno, prodotto da Federico Vacalebre, distribuito dalla Edel. Ad accompagnarla ci saranno Carmine Terracciano alla chitarra classica e Giuseppe Dicolandrea al flauto.

Fiorenza si è appassionata alla melodia napoletana fin dai primi anni della sua carriera, 1998. Suoi ulteriori lavori discografici sono gli album “Fioreincanto” di respiro elegante e poetico con gli arrangiamenti magistrali di Maurizio Pica e “Fiorenza” pubblicato dall’etichetta olandese Cnr Entertainment e destinato al mercato internazionale. In quest’ultimo lavoro discografico, in un’alternanza di classici e d’inediti, melodie veraci e contaminazioni sul fronte dell’opera pop, ha duettato con il tenore Vittorio Grigolo e dal vivo con Alessandro Safina e il baritono olandese Ernst Daniel Smid. Nello stesso anno ha ricevuto a Ravello il premio “Naples in the World” come miglior cant-attrice partenopea. Attualmente è impegnata ne “La Pazienza differenziata” di Gino Rivieccio in programmazione dal 6 all’11 al teatro Acacia di Napoli.