CILENTO. VALLO DELLA LUCANIA: TROVATO SENZA VITA L´UOMO DISPERSO SUL MONTE GELBISON

0

E’ stato ritrovato intorno alle 10,30 di questa mattina il corpo senza vita di Antonio Meraglino, 46 anni, di Novi Velia, l’uomo disperso sul Monte Gelbison, le cui ricerche erano partite circa 24 ore fa. Alle ricerche hanno preso parte il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) della Campania. L’uomo si era allontanato dalla mattina di giovedì, e la sua auto era stata individuata nei pressi del santuario di Novi Velia, sul Monte Gelbison. Impegnati nella ricerca i Carabinieri di Vallo della Lucania con le unità cinofile provenienti da Napoli e da Pontecagnano (SA), il CFS e squadre del CNSAS della Campania. Dopo l’interruzione notturna, le operazioni di ricerca sono continuate questa mattina, utilizzando anche l’unità cinofila del CNSAS. Il corpo senza vita del disperso è stato ritrovato in località Croci di Rofrano, sotto una parete rocciosa, non lontano dal luogo dove era stata rinvenuta l’auto dell’uomo. Dopo l’arrivo del Magistrato sarà effettuato il recupero della salma, che sarà probabilmente affidato agli uomini del CNSAS. Antonio Meraglino era diventato papà di due splendide gemelline da appena una settimana. Si era allontanato dalla sua abitazione, a bordo della sua Fiat 600, che i Carabinieri hanno ritrovato, aperta e con le chiavi vicino, nei pressi del Santuario del Monte Gelbison, a circa 1700 metri di altitudine. Da giovedì mattina non aveva dato comunicazioni di sé, né fatto ritorno a casa. La moglie, allarmata dal mancato rientro del marito, aveva subito denunciato la scomparsa ai carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania, dando il via alle ricerche. L’uomo era dipendente del consorzio Yele, che si occupa della raccolta rifiuti nella zona.

Antonio Sica TRATTO DA TV OGGI SALERNO.