continuazione cognomi

0

MARESCA  ramo primogenito duca di Serracapriola e delle Salandre -conte di Tronco e di Tricarico; ramo secondogenito nobile dei duchi di Serracapriola, marchese di Camerano. Prima memoria in  Sorrento con Bartolomeo insignito dell’Ordine del Cingolo Militare, sindaco dei Nobili nel XV° sec.  Famiglia riconosciuta di “”antica nobiltà” nel 1692 da Carlo II° di Spagna, ammessa all’ordine di Malta, possedette numerosi feudi con capostipite del casato Stefano vivente nel 1550, La linea di Serracapriola deriva da Nicola (1691-1759), primo duca che sposò Camilla Donnorso ultima rappresentante del ramo primogenito della sua casata; da loro nacquero Antonino e Beneetto. Antonino (1750-1822) ministro pleniponteziario del Re delle Due Sicilie in Russia, ambasciatore di re Ferdinando per il congresso di Vienna, cavaliere dell’ordine di san Gennaro, cavaliere di Malta, sposò Adelaide del Carretto, marchesa di Camerano. Antonino, in seconde n ozze, sposò la prin cipessa  russa Anna Wisemsky da cui ebbe Nicola, ambasciatore di re Ferdinando II° in Francia, presidente del consiglio dei ministri nel 1848, ministro degli affari esteri, con sigliere di stato, presidente della Consulta, Pari del Regno , cavaliere di Malta. Il ramo primogenito aggiunge al proprio cognome Donnorso, Correale, Revertera. Il ramo secondogenito inquarta nello stemma le armi con casa reale Wittelsback e dei Del Carretto.

DI MAURO originaria della Costa Amalfitana, ascritta al patriziato di Aversa, possedette il feudo di Morrone. Possedette la terra di Polvica; Carlo, marchese, fu uno dei caduti della Repubblica napoletana del 1799. Francesco, cavaliere di Malta e dell’ordine Costantiniano, camerieresegreto di cappa e spada di Sua Santità Pio IX°

MILO marchese di Campobianco, barone di Salina e di Trapani. Guarniero nel 1403 era portalanotto dei porti e marine di Castellamare del Golfo; Bartolomeo, barone di Saline di Milo, senatore di Trapani nel 1643-1662-1671, capitano di Giustizia nel 1665; Vincenzo, giurato in Mazzara; Francesco acquistò la baronia di Campobianco;Vincenzo, vice ammiragliio di Marsale; Francesco, sindaco di Marsala; Francesco marchse nel 1761, cavaliere dell’ordine Costantiniano nel 1771, capitano di giustizia; Rocco senatore di Mazzara; Domenico ufficiale della Nunziatella; Vincenzo, signore delle Saline di Infelsa nella prima metà del XX° secolo.

VESPOLI famiglia originaria di Sorrento, ricevuta nell’èordine di Malta nel 1742; detentrice del feudo di Montagnano, di cui Scipione nel 1625 ottenne il tuitolo di marchese.

TORRE con R.D. del 1874 venne concesso a Carlo, senatore del Regno d’Italia, il titolo di conte di Caprara e di trasmetterlo ai maschi primogeniti del casato. Dimora in Benevento. Torre, marchese di Civitaretenga e di Csalicchio, con dimora a Napoli. Salvatore nel 1852 ottenne il tuitolo di marchese di Cvitaretenga e di Casalicchio

 

Lascia una risposta