MINORI (Costa d´Amalfi) – RITROVATO L´OPERAIO SCOMPARSO NEL CANTIERE DI VIA LAMA

0

MINORI (Costa d’Amalfi – SA) – Ieri mattina, in località “Punta Varo” nel Comune di Conca dei Marini (SA), è stato rintracciato A.M. (queste le sue iniziali), operaio della ditta edile che sta effettuando i lavori di sistemazione della soletta stradale in via Lama a Minori. L’uomo, 41enne locale, era scomparso presumibilmente lo scorso 7 Novembre, la moglie aveva dato l’allarme solo il mattino, denunciando il suo mancato rientro tra le mura domestiche. Le ricerche si erano in un primo momento concentrate presso le sale scommesse della zona. L’operaio, infatti, coltiva una passione per le scommesse sulle corse degli equini, tanto da essersi meritato l’appellativo di “cavallaro”. Al momento del reperimento, l’uomo era in evidente stato di choc, indossava i vestiti con i quali era uscito l’ultimo giorno di lavoro, barba incolta ma era in possesso dei suoi documenti di personali che hanno assicurato un rapido riconoscimento. Ai carabinieri che lo hanno ritrovato ha raccontato che lo scorso Lunedi 7 Novembre era al lavoro nel cunicolo scavato al di sotto di via Lama, nella cittadina di Minori, quando è stato trascinato via da un cascata di acqua e sapone versata, presumibilmente, da una signora residente al primo piano di un edificio adiacente. L’uomo è quindi scivolato via lungo il cunicolo, evidentemente battendo la testa. Ha quindi raccontato di essersi svegliato in un tunnel buio e di averlo percorso alla ricerca dell’uscita per un tempo che non è riuscito a quantificare. Quando, stremato, si è fermato, ha raccontato sempre l’uomo, gli è apparso santa Barbara santa protettrice dei minatori che dopo averlo ammonito per il mancato uso del caschetto antinfortunistica, spinta a compassione, gli ha indicato la direzione giusta. Da quel momento l’uomo non ricorda più nulla, fino al risveglio di ieri mattina avvolto tra i fogli di un noto quotidiano milanese. La vicenda si è dunque conclusa felicemente e l’uomo ha fatto ritorno a casa già nel pomeriggio.

La magistratura aprirà comunque un fascicolo per tentato omicidio, sequestro di persona e violenza privata.

La scomparsa di A.M. aveva destato molto stupore e roventi polemiche nella cittadina di Minori a causa delle proteste dei cittadini che si lamentano per il protrarsi dei lavori lungo via Lama. La pericolosità degli scavi era già stata al centro di una notizia di cronaca. Qualche giorno prima della scomparsa dell’operaio, la signora F.D.R. si era recata presso il comando dei vigili per denunciare la sparizione di suo figlio R.P., che frequenta la terza elementare e che era stato visto l’ultima volta uscire di scuola ma non era mai giunto a casa per il pranzo. La madre era certa che il figlio fosse caduto in una delle buche del percorso di via Lama e quindi scomparso al suo interno. Un immediato sopralluogo di uno speleologo del Comune aveva però escluso questa eventualità, il bambino era stato poi ritrovato nel pomeriggio al parco giochi, e di conseguenza, picchiato adeguatamente dalla genitrice. In ogni caso il sopralluogo del tecnico comunale non fu infruttuoso, durante le operazioni di ricerca del minore, vennero ritrovate nell’ordine: le chiavi di casa di un anziano abitante della zona, un cellulare senza scheda, monete di valuta corrente per un totale di 4 euro e 40 centesimi e fuori corso per complessive 2200 lire, il coltello utilizzato per ammazzare Meredith Kercher e una fiat 128 blu notte del 1974 ancora funzionante.  

 

Il video della notizia al link:

http://www.youtube.com/watch?v=wiUR1v8A_Uo


Comunicato a cura dell’Assessorato al Nulla