Isola d´Elba, maltempo, anziana morta nella sua abitazione, due persone disperse a Matera

0

  Maltempo. Due persone, padre e figlia, sono disperse nel Materano e un’anziana è morta nella sua abitazione all’Isola d’Elba. Tutto questo mentre nel Salernitano esonda il Sarno e continua a destare preoccupazione il Po. Notte tranquilla a Genova e strade allegate a Milano.

Elba devastata, una vittima. Una donna è morta a Campo dell’Elba, 5mila abitanti, dove il fosso degli Alzi è esondato. La donna, Maria Luisa Barile, 81 anni, è stata travolta dalla furia dell’acqua nella sua abitazione, al piano terreno, in via Fattori, nella zona centrale del paese. L’anziana era in grado di muoversi solo con l’aiuto di un sostegno e potrebbe essere caduta nell’acqua che aveva invaso la casa. I soccorritori le hanno riscontrato infatti una ferita alla testa. In alcune abitazioni il livello dell’acqua ha raggiunto il metro e mezzo di altezza. I vigili del fuoco hanno effettuato una serie di interventi di soccorso anche in altre case allagate.

Cinque feriti (di cui uno grave) è il bilancio provvisorio del nubifragio che si è abbattutto sull’Isola d’Elba e che ha allagato Marina Campo nelle prime ore di stamattina, in seguito all’esondazione del fosso degli Alzi.

Dei cinque feriti, tutti trasportati con l’elisoccorso a Portoferraio, uno è particolarmente grave. E’ un’altra donna anziana, colpita da ictus. Gli altri quattro feriti hanno riportato contusioni varie in seguito a cadute e non sono gravi. Uno di questi, per precauzione, è stato trasferito all’ospedale di Livorno in quanto ha ingerito acqua.

Per scampare alla furia delle acque in tanti nella zona di Campo e di Marina di Campo sono saliti sui tetti delle case e sugli alberi.

Marina di Campo è completamente allagata e varie squadre della Protezione Civile regionale sono al lavoro per soccorrere persone in difficoltà. Altro personale è in viaggio da varie zone della Toscana, anche se i collegamenti sono difficoltosi anche perchè è ripreso a piovere. Il ponte delle Caviere, in località Colle Palombaia a San Piero è crollato. Altri smottamenti e frane stanno creando grosse difficoltà alla circolazione.

Alcune frazioni sono isolate, le strade sono interrotte a causa delle frane e anche qualche ponte è crollato. I soccorritori sono al lavoro per cercare di tamponare l’emergenza e stanno verificando negli scantinati e ai primi piani delle abitazioni se ci fossero eventuali dispersi. Per molte ore la forza del mare ha respinto l’acqua del fosso degli Alzi, che dopo tre giorni di pioggia battente è esondato trascinando alla foce auto e cassonetti dell’immondizia.

La parte orientale dell’Elba è stata colpita in pratica da una bomba d’acqua che ha causato danni pesantissimi: torrenti e fossi esondati, ponti crollati, strade interrotte per frana e paesi isolati. Le forze dell’ordine hanno bloccato il traffico fuori Portoferraio, impedendo l’accesso verso Procchio. Il comune più colpito è quello di Campo. A Marina di Campo sono stati allagati i piani terreni di abitazioni e alberghi. Bloccata anche la frazione di Procchio. La strada provinciale all’altezza del bivio per Marciana Marina è impraticabile e l’acqua arriva all’altezza degli sportelli delle auto. Si registrano anche diverse frane.

Alcuni mezzi speciali dei vigili del fuoco sono arrivati da Livorno con un traghetto di linea partito da Piombino per Portoferraio. Anche il sindaco Vanno Segnini è tra gli alluvionati di Campo nell’Elba: «Non so niente di ciò che sta succedendo, anch’io sono isolato – ha risposto al telefono – Mi stanno venendo a prendere per andare in Comune dove potrò farmi una idea di ciò che sta avvenendo». L’abitazione del sindaco si trova nella zona di Pozzo al Moro, lungo la strada provinciale che collega Campo nell’Elba agli altri comuni. Il sindaco di Marciana, comune confinante con Campo, ha firmato un’ordinanza di chiusura delle scuole. La Protezione civile sta cercando di recuperare le persone isolate e invita a non mettersi in viaggio per nessun motivo, visto che le strade che collegano Portoferraio a Campo non sono agibili.

Due persone, padre di 86 anni e figlia di 44, di Altamura (Bari) sono disperse da ieri pomeriggio dopo essere state travolte dalla piena di un canale artificiale mentre erano in auto nel materano. Altre tre persone, a bordo dello stesso veicolo, sono riuscite a mettersi in salvo. Nella notte è stata individuata l’automobile ma le ricerche sono difficoltose perché la zona è tutta allagata.

Un elicottero dei Vigili del fuoco sorvola la zona del torrente che ha travolto l’auto con Carlo Masiello, e la figlia Rosa. Alle ricerche partecipano anche una squadra di Vigili del fuoco che sta scandagliando il fondo del torrente a partire dal punto dove è stata individuata la vettura, piena di fango e detriti.

Carlo e Rosa Masiello avevano partecipato ad una gita insieme a numerose altre persone: quando la pioggia, ieri pomeriggio, ha cominciato a cadere con intensità, tutti hanno deciso di tornare ad Altamura. L’automobile guidata dal marito di Rosa Masiello, però, per uno smottamento della strada è scivolata in un canale che si getta poi nel torrente ed è stata travolta: l’autista ha fatto in tempo a mettere in salvo solo due nipotine ma non ha potuto impedire che la corrente portasse via la vettura su cui erano ancora la moglie e il suocero.

È emergenza a Napoli e provincia per i danni causati dal maltempo che si è abbattuto sulla Campania: sono 180 le richieste di soccorso che attendono risposta dai vigili del fuoco i quali, nella notte, ne hanno espletato circa trecento. Secondo quanto riferisce il comando provinciale di Napoli sono state migliaia le telefonate giunte al centralino tra ieri e stamattina.

Esonda il fiume Sarno. Il fiume Sarno è esondato nel tratto che attraversa la cittadina di Angri nel salernitano, causa delle piogge che stanno investendo da giorni la zona. Da questa mattina piove in tutta il territorio attraversato dal fiume più inquinato d’Europa.

Al Nord la piena del Po sta superando senza problemi Torino. Ci sono però ancora punti critici come Isola San Martino, nei pressi della confluenza del Po con il Tanaro – dove la piena del fiume dovrebbe passare attorno a mezzogiorno – e il ponte della Becca, dove l’arrivo è previsto in serata. Il grande fiume, dicono i tecnici, al momento sta comunque continuando a ricevere senza particolari criticità i suoi affluenti, gonfiati dalle piogge.

Nelle prossime ore transiterà la piena del Tanaro da Alessandria con livelli prossimi alla soglia di attenzione confluendo poi nel Po.

La Protezione civile dell’Emilia Romagna ha attivato a mezzogiorno la fase di preallarme per la piena del Po nel Piacentino e nel Parmense.Sulle base delle previsioni dell’Aipo e dell’Arpa, nel tardo pomeriggio-sera di oggi si prevede il superamento del secondo livello alla sezione di Piacenza (altezza 6 metri). Il transito del colmo di piena alla stessa sezione è confermato per la mattinata di domani, con un’altezza di circa 6,70 metri.

Le precipitazioni proseguiranno nelle prossime ore sia sul Piemonte sia sulla Liguria di ponente. Piogge che preoccupano e che potrebbero ulteriormente compromettere territori già duramente colpiti nei giorni scorsi.

Notte tranquilla a Genova, è piovuto solo nelle prime ore del mattino, fino alle 3, con rovesci sparsi che da levante si spostavano verso ponente. I vigili del fuoco sono impegnati nei lavori di sgombero da fango e detriti della zona di Marassi, dove è esondato il Fereggiano. Da ieri sera è ripresa la circolazione dei mezzi privati, permangono le restrizioni nelle zone a rischio. Le scuole sono chiuse, l’allerta 2 è in vigore fino alle 18. Oggi è giornata di lutto cittadino. Alle 12 si avrà un minuto di raccoglimento.

Giornata di lutto cittadino oggi a Genova, con scuole chiuse, bandiera a mezz’asta e un minuto di silenzio alle 12, per commemorare le sei vittime dell’alluvione. Questa mattina, nella chiesa di Santa Margherita, nel quartiere di Marassi, si è svolto il funerale di Angela Chiaramonte, domani alle 10, nella parrocchia di Nostra Signora della Guardia, a Quezzi, verranno celebrati quello di Serena Costa e alle 12, di Evelina Pietranera. I funerali si svolgeranno in forma privata. Oggi saranno rimpatriate in Albania le salme di Shpresa Djala e delle figlie Gianissa e Gioia.

È stata prorogata di altre 24 ore, dalle 18 di oggi alle 18 di domani, l’allerta meteo 2 sulle province liguri di Imperia e Savona e su Genova. Scende invece al livello 1 l’allerta sul Levante e sullo Spezzino. Una nuova perturbazione, secondo le previsioni dell’Arpal, sta infatti portando sulla Liguria nuove piogge, che in alcuni casi saranno di forte intensità.

Maltempo anche a Milano con piogge battenti e ininterrotte. Strade allagate, qualche semaforo in tilt e qualche pianta abbattuta che ha richiesto l’intervento dei vigili del fuoco, i danni segnalati, ma per fortuna, al momento, nessun ferito. I fiumi che scorrono sopra e sottoterra, nel Milanese, Olona, Seveso e Lambro, secondo i Vigili del fuoco e la Protezione civile sono al momento sotto controllo. La circolazione, a parte il traffico molto rallentato e qualche ingorgo, secondo la Polizia locale non ha subito particolari interruzioni.

Un vortice centrato tra le isole Baleari e la Sardegna e in movimento verso nord-nord est determinerà un forte rinforzo dei venti sull’isola. Sulla base delle previsioni disponibili, spiega una nota, il Dipartimento della Protezione civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che prevede, dalla prima mattinata di oggi e per le successive 12-18 ore, forti venti di burrasca dai quadranti meridionali, con rinforzi di burrasca forte o di tempesta specie sul settore occidentale.

(fonte il Messaggero)