Centoquarantaparole: Roma, delitto Pasolini, spunta un terzo uomo?

0

 

Ris, con qualcosa di concreto in mano;  lo annuncia il Messaggero di Roma; lo scrittore Pier Paolo Pasolini fu ucciso a novembre del 1975; un bel rompicato per gli inquirenti, il Dna non appartiene ne a Pelosi, ingabbiato per l’omicido dello scrittore; ne a Pasolini; sarebbe un terzo soggetto… vuoi vedere che Pino Pelosi è estraneo all’omicidio?..gf

 

Dopo  36 anni spunta un terzo uomo nelle indagini sul delitto di Pier Paolo Pasolini, ucciso nel 1975 all’idroscalo di Roma.

Secondo quanto rivela il quotidiano “Il Messaggero” , le analisi del Ris avrebbero individuato tracce di dna di un terzo uomo nelle tavolette trovate sul luogo del delitto e usate per colpire lo scrittore. Un dna, che non appartiene né allo scrittore né a Pino Pelosi, condannato per l’omicidio.

 

 

 

Sarebbero questi gli esiti delle analisi sui reperti conservati nel museo di criminologia di via Giulia, risultati di cui si attende la relazione finale e che sarebbero stati tenuti segreti dagli inquirenti.

 

Se confermata sarebbe una prova scientifica di una tesi già affiorata nel corso del processo e per anni sostenuta dai difensori di Pelosi.

Il pm Francesco Minisci, che ha disposto il riesame dei reperti, sarebbe ora pronto – sempre secondo quanto riporta il Messaggero – ad ascoltare nuovi testimoni per confrontare i risultati delle prove scientifiche. (fonte RaiNews24)