La camorra allunga i suoi tentacoli nel business dei cimiteri.

0

“La morte per alcuni è diventata motivo di arricchimento illecito, trasformandosi in un vero e proprio sistema affaristico per la camorra e la malavita che, come sempre, colpisce i più deboli”.
Con queste parole il cardinale Crescenzio Sepe denuncia una situazione divenuta oramai insopportabile.

 

Alla presenza del prefetto, e del sindaco di Napoli, Sepe ha aggiunto: “Contro queste ricorrenti offese alla dignità della morte, la chiesa di Napoli è fortemente impegnata e da tempo sta lavorando, con il prezioso apporto di personalità autorevoli, per riorganizzare il sistema delle arciconfraternite in maniera rigorosa per avere assoluta trasparenza. Rispetto a questo obiettivo di normalizzazione di tutte le attività connesse alla sepoltura dei defunti, rinnovo il mio accorato invito a tutti. Ai miei cappellani e sacerdoti, chiedo di essere i primi a dare testimonianza di carità e di giustizia”. F.C.