GP D´INDIA, VETTEL IN POLE. PAURA PER MASSA VIDEO

0

ROMA –  Tutto ok e tanto pragmatismo in casa Ferrari al termine oggi delle prove ufficiali del Gran Premio di India in cui Fernando Alonso partirà in terza posizione (grazie alla retrocessione di Lewis Hamilton) e Felipe Massa in sesta. Per una Rossa apparsa in buona forma sul tracciato indiano tanto da far sperare di poter far meglio del ‘solitò podio. Dopo la prudenza delle prove libere Alonso si è mostrato oggi ambizioso: «Sono arrivato molto vicino alla prima fila – ha detto ai giornalisti – il che è stato un pò una sorpresa: in queste ultime gare in qualifica non eravamo mai stati così vicini (un paio di decimi) ai nostri principali avversari». «Il nostro obiettivo dichiarato – ha detto lo spagnolo – è il podio, ma vediamo se la nostra arma migliore (il passo-gara) ci permetterà di sperare in qualcosa di più ambizioso». Per quanto riguarda la strategia di gara Alonso si è mostrato prudente: «Su questo tracciato è possibile che si decida di realizzare solo due pit stop e questo ci confronterebbe con l’impossibilità di minimizzare le dure».

Da parte sua Massa, che sembrava gradire il tracciato indiano, ha fatto vivere qualche momento di paura a scuderia e spettatori per una uscita di pista provocata dalla rottura della sospensione anteriore destra nell’impatto con la parte interna del cordolo della curva 8. Il pilota brasiliano è rimasto per qualche secondo nell’abitacolo per assorbire la botta, ma poi è uscito indenne e con le proprie gambe. Ai giornalisti ha spiegato che «uscivo da un giro da 1’25» sapendo di avere fatto male in un settore, e quindi era molto possibile che il successivo sarebbe stato assai migliore«. Con una punta di stizza ha sottolineato che »quel cordolino così alto non va bene per una curva veloce. Chiederemo una correzione ma penso che ormai per domani è troppo tardi«. Nell’incidente »abbiamo distrutto un musetto – ha confermato – e ne abbiamo solo un altro di riserva«. Riguardo alla sua partenza in sesta posizione al lato di Hamilton che in passato si è mostrato un pò troppo esuberante, il ferrarista ha detto sorridendo: »Lui ha già preso una penalizzazione, e credo che ci penserà due volte prima di commettere irregolarità«. Per quanto riguarda gli obiettivi della scuderia nel Gran premio di India, il direttore della Gestione sportiva, Stefano Domenicali, si è affidato alla soddisfazione e ad un misurato pragmatismo: »Abbiamo visto una buona prestazione complessiva della nostra vettura: essere a meno di un decimo dalla prima fila – Vettel è stato ancora una volta irraggiungibile – vuol dire che non siamo poi tanto male su questo tracciato

fonte.leggo

Lascia una risposta