Salerno, De Luca. Grandi opere interesse dei cinesi

0

Saranno i capitali provenienti dalla Repubblica Popolare Cinese a finanziare la terza fase del processo di trasformazione urbanistica della città di Salerno ovvero il nuovo blocco di grandi opere pubbliche destinato a completare la dotazione infrastrutturale del capoluogo. Questo almeno è l’auspicio del primo cittadino Vincenzo De Luca. Ed è stato proprio il sindaco di Salerno, nel corso di una conferenza stampa convocata ieri mattina per illustrare le prossime iniziative in campo urbanistico promosse dall’amministrazione, ad evocare la possibilità di un ricorso ai fondi sovrani cinesi per alimentare gli investimenti nel processo di trasformazione della città. «Ieri – dice De Luca – abbiamo incontrato una delegazione cinese in visita in città ed abbiamo illustrato loro i nostri progetti: abbiamo raccolto segnali di grande interesse. Continueremo a lavorare nei prossimi mesi per attirare a Salerno fondi sovrani cinesi». Su quali progetti il Comune di Salerno punti a coinvolgere gli investitori asiatici è lo stesso sindaco a dirlo: «Entro la fine di quest’anno – spiega il primo cittadino – presenteremo le linee guida per la riqualificazione dell’area compresa tra piazza della Concordia e piazza Mazzini, oltre che della stazione ferroviaria e della zona delimitata dalla stessa stazione e da via Dalmazia. La riqualificazione di piazza della Concordia, in particolare, si tradurrà nel raddoppio dell’attuale porto turistico, nella creazione di un parcheggio interrato in grado di ospitare circa duemila auto e nella realizzazione delle «vele» (due grattacieli, ndr) disegnate dall’architetto Bofill: un progetto di finanza che richiede un investimento compreso tra i 250 ed i 300 milioni di euro. Cifre che necessitano dell’intervento di fondi sovrani o di grandi istituti bancari». Ed anche su quest’ultimo fronte il primo cittadino si sta dando da fare. Dopo aver incontrato la scorsa settimana a Roma rappresentanti di alcuni grandi gruppi bancari prospettando le possibilità di investimento a Salerno, De Luca annuncia una nuova missione di ’raccolta fondi’, questa volta con destinazione Lombardia. «Nei prossimi giorni -dice il primo cittadino – saremo a Milano per incontrare esponenti del mondo dell’impresa e del credito lombardo: anche a loro proporremo di investire nel processo di trasformazione urbanistica di Salerno». Il prossimo 22 novembre, intanto, sarà presentato a Palazzo di Città il logo per la città di Salerno ideato dal designer Massimo Vignelli, un’iniziativa fortemente voluta dal sindaco per promuovere l’immagine della città all’estero. «Il logo di Vignelli – incalza De Luca- dovrà accompagnare da ora in poi ogni attività di comunicazione della città di Salerno. Speriamo di ripetere il successo ottenuto da altre città». Il workshop cui prenderà parte Vignelli segnerà l’inizio di una serie di appuntamenti dedicati all’urbanistica, iniziative che culmineranno, nella primavera del 2013, con lo svolgimento a Salerno del congresso dell’Istituto Nazionale di Urbanistica. Tra gli appuntamenti che precederanno il congresso dell’Inu spicca il concorso di idee riservato ai giovani architetti. Nelle prossime settimane il Comune individuerà alcune decine di piccole aree da riqualificare: per ognuna sarà possibile presentare un progetto di recupero e valorizzazione, i migliori saranno premiati e, soprattutto, tradotti in interventi concreti. «In questa fase – conclude il sindaco De Luca- ci sembra giusto coinvolgere ancora di più i giovani professionisti salernitani nel processo di trasformazione urbanistica della città: vogliamo che questa sia una grande occasione di lavoro per i nostri cervelli. Già nel bilancio del prossimo anno cercheremo di trovare le risorse necessarie per sostenere questo concorso di idee». Clemente Ultimo Corriere del mezzogiorno