SALERNO: RUMENO SALVATO DALLA CAMERA IPERBARICA

0

Un trentenne rumeno ha rischiato la vita per le venefiche esalazioni di monossido di carbonio emanate da un braciere acceso in camera da letto. L’uomo, infatti, residente a Scorzo di Sicignano degli Alburni, considerati i primi freddi e la temperatura più rigida, non ha esitato ad accendere il braciere, pur di riscaldare l’abitazione. Addormentatosi, non si è reso conto della tossicità estrema delle esalazioni sprigionatesi passando dal sonno profondo al coma, quindi alla morte certa. Sono stati i vicini di casa a dare l’allarme durante le prime ore del mattino, e solo per il tempestivo intervento degli operatori del 118 si è evitata una ennesima vittima dei “primi freddi“. Trasportato al Pronto Soccorso dell’ospedale di Roccadaspide è stato subito soccorso dai sanitari di turno che, riconoscendo i sintomi della letale intossicazione, disponevano l’immediato trasferimento presso la Camera iperbarica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona” di Salerno, vero salvavita in tali drammatiche circostanze. Giunto a Salerno in stato di semincoscienza, è stato affidato alle cure della équipe Iperbarica – dott. Alberto D’Amicantonio e dott. Alberto Damiano – e del dott. Dante Lo Pardo, responsabile dell’unica Struttura pubblica dell’intera provincia. Dopo circa tre ore di trattamento intensivo a base di ossigeno ad alte pressioni, l’uomo ha ripreso conoscenza e poteva essere dichiarato fuori pericolo. La osservazione clinica per le possibili gravi complicanze tardive avveniva attraverso il ricovero presso l’Unità Operativa Complessa di Medicina D’Urgenza, diretta dal dott. Matteo De Roberto, In questi ultimi giorni di ottobre, proprio in concomitanza con i primi freddi, i sanitari della Struttura iperbarica hanno registrato già due casi di grave intossicazione da monossido di carbonio, il terribile killer invisibile che si sprigiona da stufe, camini, bracieri, caldaie in ambienti non sufficientemente areati ed auspicano, pertanto, una ampia ed efficace campagna informativa al riguardo.

TRATTO DA TV  OGGI SALERNO