Fare i cronisti, stiamo freschi!

0

 Aveva pubblicato soltanto la notizia che il giudice aveva disposto un incidente probatorio nell’ambito di un’inchiesta su presunti abusi sessuali su due sorelline di 12 e 14 anni, ipotizzando che le indagini potessero coinvolgere altre persone. Nessun nome, nessuna dichiarazione, nessuna intercettazione. Ma per quella che il giudice ha ritenuto essere un favoreggiamento Giulia Martorana, giornalista pubblicista di Enna, corrispondente dell’agenzia Agi e del quotidiano “La Sicilia” è stata condannata a venti giorni di carcere, con la sospensione condizionale della pena, per non aver voluto rivelare al giudice la fonte della notizia. (condensato da www.latorredibabele.it)

Giovanni Farzati, Positano News; pubblicista; non professionista;il problema è quello; è comunque grave: specie in provincia sono tutti pubblicisti… lei faceva un vero lavoro da cronista;tutta la mia solidarietà alla giornalista; il giudice (sicuramente severo) ha applicato la legge; il problema riguarda l’Ordine;e questa è l’ennesima prova delle necessità di una riforma (urgente).