Amalfi problemi sicurezza parcheggio Luna Rossa scrive Amalfi Mobilità. Rispondiamo con le foto

0

 

Ho letto la news su “Parcheggio Luna Rossa Amalfi – Quali problemi di Sicurezza – Disagi e Costi” del 10.10.2011, che non considero “ corretta informazione” e che, oltre tutto, manca del doveroso e preliminare confronto, non dico con il Comune di Amalfi ma per lo meno con la società in house, che gestisce il servizio di parcheggio per conto dell’unico socio “Comune di Amalfi”, nel rispetto di regole e norme dettate per la salvaguardia della pubblica incolumità. Delle cose buone è doveroso parlarne bene. Del parcheggio pubblico “Luna Rossa”, del resto e meno male, se ne sta parlando con sinceri e qualificati apprezzamenti, sia per la sua realizzazione e sia per le attività gestionali (personale giovane con conoscenza della lingua inglese e del personal computer, servizio 24 h su 24, punto di prima informazione per gli ospiti in arrivo ed altro). Le comunico, intanto, la incondizionata disponibilità a fornire tutte le informazioni opportune alla Sua redazione, la quale può rivolgersi alla rappresentanza legale e/o a quella amministrativa della scrivente societàogni qualvolta riterrà di esattamente informare i suoi lettori. Distinti saluti. Amalfi, 11 ottobre 2011

 L’Amministratore Unico – Bruno Pacileo–

CLICCA  QUI PER LEGGERE  IL NOSTRO ARTICOLO ORIGINARIO

 

Gentile dottor Bruno Pacileo rispondiamo con le foto. 1) Le persone vengono fatte scendere per motivi di sicurezza (abbiamo anche registrato gli operatori che usavano queste parole); 2) Il primo piano del parcheggio è interdetto (come vede nelle foto).. Perdipiù anche l’ultimo piano è ancora chiuso.. Abbiamo fatto domande e non abbiamo avuto risposte.

Perchè fanno scendere le pesone? Quali sono i motivi di sicurezza? Perchè il primo piano è interdetto?

Anche lei non mi ha risposto. Credo che Lei debba delle risposte precise e dettagliate non solo a noi e ai nostri lettori ma anche ai suoi concittadini. Grazie

Il Direttore Michele Cinque

Interviene Ugo D’Angelo

 

Diciamo pure che facendo scendere i passeggeri all’entrata giustificandosi che ciò debba avvenire per ragioni di sicurezza fa si che si blocchi l’entrata al parcheggio con il rischio di creare code e paralizzare il traffico sulla statale (cosa giornalmente avvenuta in estate anche in seguito alla chiusura per esaurimento posti, permettendo l’incolonnamento sulla statale di coloro che intendevano aspettare per entrare invece di dirottarli altrove). Una volta entrati il primo piano è chiuso e bisogna salire ai piani superiori. Nel percorrere le rampe elicoidali la cosa che subito mi colpisce, per me che sono del posto, è la totale assenza di specchi che permettano la visione di eventuali macchine che provengono dalla direzione opposta (presenti quasi ovunque in costiera). Una volta parcheggiata l’auto (al 4° piano), la chiudo e prendo le scale interne che molto comodamente mi portano al tunnel pedonale…peccato che all’entrata ho abbandonato i miei passeggeri ai quali, dal momento che sono già purtroppo conscio della barzelletta, ho dato appuntamento a una delle uscite interne al tunnel. Cosa diversa capita a chi non è del posto e abbandonato il passeggero all’entrata deve poi fare i chilometri per recuperarlo e capire dove è andato a finire. Fatti i cavoli miei ritorno al parcheggio e apprendo dai cartelli affissi sulle porte di accesso dal tunnel alle scale interne che quest’ultime sono chiuse e bisogna passare ovviamente per le casse prima di uscire…PECCATO CHE IO SONO RESIDENTE E NON DEVO PASSARE A PAGARE DATO CHE HO UNA SCHEDA A CREDITO SCALARE!!! Ciò nonostante devo farmi tutto il tunnel fin quasi alla statale passare davanti alle casse e, udite udite, attraversare un tratto praticamente non adatto ai pedoni in quanto ci sono le auto in entrata e quelle in uscite che prima di vedermi devono fare quasi una curva a 90° con il pericolo di essere investito….tutto questo per entrare al primo piano, chiuso, e imboccare la prima porta a sinistra che porta alle rampe di scale che mi riporteranno al 4° piano….non ci siamo dimenticati di qualcuno?ebbene si..i passeggeri sono rimasti all’uscita in un’area per niente indicata a far attendere le persone inquanto c’è l’uscita e l’entrata delle auto e lo spazio non è indicato per far coincidere le 3 cose…esco dal parcheggio, mi fermo per caricare i passeggeri e di conseguenza blocco chi sta dietro di me (che non per forza ha dei passeggeri da caricare) e creo eventualmente una coda, calcolando poi che chi ha passeggeri farà la stessa cosa si paralizza tutto! Non è finita qui…. vogliamo far notare che all’ucita del tunnel pedonale non vi è traccia di strisce pedonali? l’unica appena visibile, IN PIENA CURVA, è quella di colore giallo ormai sbiadita usata durante l’enorme genialata di restringere la galleria di atrani creando il passaggio pedonale con traffico a senso alternato a seguito della frana sul ristorante zaccaria (mi chiedo com’è che il problema ci fosse solo allora dato che i pedoni attraversano la galleria da decenni senza problemi e l’altra strada è poco utilizzata…)……ALLA FACCIA DEI MOTIVI DI SICUREZZA!!!! Tutto questo per non permettere l’accesso ai passeggeri al pacheggio, cosa che avviene ovunque nel mondo e in qualsiasi situazione. Si arriva al parcheggio, si ritira il gettone (gettone? biglietto con orario di entrata sopra no eh…?) e si va a parcheggiare, il tutto senza aver bloccato l’entrata e aver fatto creare file sulla statale. Si esce tutti dalla macchina e si scende per le scale interne e di lì al tunnel. Si ritorna e….qui l’errore è progettuale…la cassa automatica dovrebbe essere messa anche ad ogni piano nella stanza che si attraversa per accedere alle rampe di scale (dato che la cassa altro non è che una colonnina molto compatta). Così, chi ha il gettone entra dal tunnel con tutti gli occupanti dell’auto, senza farsi tutto il giro descritto in precedenza, paga, entra in auto e senza creare problemi a nessuno così come all’entrata esce dal parcheggio evitando di investire qualcuno. La stessa cosa fa chi come me ha la carta residenti con credito a scalare, entra dal tunnel su per le scale, entra in auto ed esce. Semplice e indolore. Consiglierei a chi ha creato sto casino di andarsi a fare un giro nei parcheggi multipiano e nelle zone perimetrate con sbarre presenti anche a salerno. E sono cose fattibili, ci sono forse interessi o altro che non possiamo capire come forse il dover trovare una scusa per mettere un cristiano che dice al passeggero: “Scendi dall’auto!!!”… a proposito, ma di notte chi controlla che io non entri con un auto omologata per 5 e scarico 7 persone una volta parcheggiata l’auto?c’è qualcuno che vigila?…..

Lascia una risposta