Legge Bavaglio in Italia sarà più difficile informarsi

0

In Italia sta diventando sempre più difficile informare e in questi giorni ancora di più, mentre ci sono problemi gravi di cronaca, come Barletta, dove povere donne sono morte per quattro euro l’ora, o la declassificazione dell’economia mondiale, c’è chi pensa a limitare la libertà di stampa.

. Il comitato dei nove ha dato parere favorevole a due emendamenti del Pdl che da una parte prevedono il carcere per i giornalisti che pubblicano intercettazioni “irrilevanti” e dall’altro vietano la pubblicazione delle intercettazioni fino alla cosiddetta udienza filtro. Giulia Bongiorno (Fli), precedente relatrice del testo, ha lasciato l’incarico in segno di protesta. Un’accelerazione che manda a gambe all’aria l’atteggiamento del Terzo polo che portava avanti un approccio “dialogante” con la maggioranza. 

Il carcere è previsto in un emendamento a firma del Pdl Manlio Contento. Reclusione da sei mesi a tre anni per quei giornalisti che pubblicano le intercettazioni irrilevanti. “La modifica – spiega il deputato – si è resa necessaria perché nel testo licenziato un anno fa avevamo previsto la sanzione penale solo per la pubblicazione degli ascolti espunti o per quelli che andavano distrutti”. Le intercettazioni irrilevanti saranno sia quelle che dopo l’udienza-stralcio vengono ‘chiuse’ nell’archivio di segretezza, sia quelle che il pm non fa trascrivere quando manda al giudice una richiesta di misura cautelare. L’intenzione di rinunciare all’incarico di relatrice del ddl intercettazioni la deputata futurista l’aveva preannunciata ieri durante la conferenza del Terzo polo, spiegando che avrebbe preso quella decisione nel caso fossero passate proposte che di fatto portavano al black out dell’informazione, con una stretta sulla pubblicazione degli atti. L’emendamento Pdl non consente neanche di riportare per riassunto o nel contenuto le telefonate registrate. La Bongiorno chiedeva di restare fermi al testo licenziato un anno fa grazie alla sua mediazione che invece permetteva di riportare almeno il contenuto della intercettazioni fino all’udienza-filtro.

“Non mi riconosco in questo testo e trovo inaccettabile che sia bastato uno schioccar di dita del premier per mandare in fumo due anni e mezzo di lavoro per cercare un accordo”, taglia corto la Bongiorno. “Con questa modifica, tutte le intercettazioni che nel corso del tempo verranno conosciute anche dalla difesa, non solo non potranno essere pubblicate nel testo, e questo va bene, ma non se ne potrà nemmeno dare notizia”.

Ammazza blog. Avranno obbligo di rettificare entro 48 ore solo le testate on-line che risultano registrate. È questo l’accordo bipartisan raggiunto nel comitato dei nove, che sta esaminando il ddl Intercettazioni. La proposta è il frutto di alcuni emendamenti presentati da Zaccaria (Pd) e Cassinelli (Pdl). Le reazioni. Il Pdl, dunque, sembra sempre più intenzionato a modificare il testo, arrivando al punto di farlo approvare con la fiducia. Preoccupati, ovviamente, i magistrati. “Ci sono intercettazioni e vicende che attengono alla vita privata che non dovrebbero mai essere pubblicate, sono pura pruderie. Ma tentare di mettere una pezza a valle vietando la pubblicazione è un attentato alla libertà di stampa”, dice il segretario dell’Anm Giuseppe Cascini. Mentre per il vicepresidente del Csm Michele Vietti l’emendamento sulla cosiddetta udienza-filtro “è una soluzione che ha una propria ragionevolezza”.

Il centro è scettico. Ieri i centristi avevano detto chiaramente di essere contro le modifiche avanzate dalla maggioranza. Ora Pier Ferdinando Casini precisa: “Se si vuole impedire l’obbrobrio di dialoghi che nulla hanno a che fare con le indagini, se si vuole fare una legge con questa finalità, la votiamo, se invece si vuole fare una legge che punta a censurare la stampa o a vendicarsi con i giudici, non vogliamo essere complici”. “Noi abbiamo fatto il nostro – aggiunge il deputato Udc Roberto Rao – la maggioranza avrebbe dovuto fare tesoro della disponibilità che abbiamo dimostrato anche oggi, con l’astensione sulle pregiudiziali di costituzionalità. Invece è rimasto l’emendamento Costa. Così il cammino diventa complesso”. Duri Pd e l’Idv. “È scandaloso – attacca il segretario del Pd, Pierluigi Bersani – che mentre quattro ragazze muoiono sotto le macerie per lavorare a quattro euro all’ora e Moody’s ci declassa, noi siamo qui a parlare di intercettazioni. Questo dimostra la totale perdita di presa verso gli interessi del Paese di un governo che pensa solo agli affari suoi, lo vedono in tutto il mondo che è così”. Per il presidente del gruppo Idv alla Camera, Massimo Donadi, “la legge bavaglio è uno schiaffo alla democrazia e alla libertà di stampa, ed è anche un’offesa ai cittadini, che chiedono misure concrete contro la crisi economica e non bavagli all’informazione” Il Pdl: “Noi garantisti”. La parola chiave per la maggioranza è ‘garantismo’. “Da un lato – dice il deputato del Pdl, Manlio Contento – c’è chi, come la Bongiorno e l’opposizione, ritiene che le intercettazioni debbano continuare ad essere riportate sui giornali, qualora inserite nelle ordinanze di custodia cautelare o in provvedimenti analoghi, che riportano per lo più le tesi dell’accusa. Dall’altra parte stanno i garantisti”.