Sorrento: 67milioni di euro per la nuova rete elettrica, basta con i black-out.

0

Sorrento: Firmato l’accordo per la nuova rete elettrica.

di Vincenzo Maresca.

Sorrento. Sottoscritto l’accordo tra il Comune di Sorrento e la Terna spa, la società per la trasmissione elettrica su rete nazionale nata il 31 maggio 1999 in seguito alla liberalizzazione del settore elettrico attuato dal decreto Bersani, per l’ammodernamento della rete elettrica nella terra delle sirene che ancora nel 2011 naviga a vista su un insufficiente collegamento a 60 chilovolt realizzato nel 1960. Previsti investimenti per 67milioni di euro con i quali la società Terna spa realizzerà due nuovi elettrodotti a 150 chilovolt in cavo interrato collegati ad una nuova stazione elettrica nell’obiettivo di rendere più sicuro il sistema elettrico dell’area evitando i ripetuti e disastrosi black-out che nel periodo estivo mettono in ginocchio centinaia tra strutture alberghiere ed attività commerciali. Un nuovo fiore all’occhiello per la Terna spa, società responsabile in Italia della trasmissione dell’energia elettrica sulla rete ad alta ed altissima tensione sull’intero territorio nazionale con oltre 63mila chilometri di linea che ne fanno il primo operatore indipendente in Europa ed il settimo al mondo per chilometri di linee gestite. Il nuovo assetto della rete elettrica porterà anche benefici sotto il profilo ambientale grazie alla demolizione di 16 chilometri di linee aeree esistenti, parte delle quali realizzate all’epoca all’interno dei centri abitati e delle proprietà private. “Sono sicuro, ha commentato il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, che si tratta di una importante occasione per migliorare la fornitura elettrica soprattutto a vantaggio delle tante aziende della penisola sorrentina e, nel contempo, per liberare il nostro territorio da numerosi tralicci. Questo risultato è stato raggiunto anche grazie alla collaborazione del senatore Raffaele Lauro, al quale va il mio ringraziamento per essersi adoperato affinchè si avviasse questo processo di innovazione nel campo energetico”. Da anni la distribuzione dell’energia elettrica sulla penisola sorrentina rappresenta un autentico handicap per l’economia di un territorio costantemente dipendente dai flussi turistici nazionali ed internazionali con frequenti black-out che per interminabili ore hanno lasciato nel panico migliaia di visitatori e centinaia di aziende tra la costiera e Positano fino a Praiano causando disservizi che hanno intaccato la qualità dell’offerta turistica. La prima fase dei lavori coinvolgerà almeno 15 imprese con oltre 70 lavoratori il cui impegno sarà quello della chiusura di un anello elettrico intorno alla nuova cabina di trasformazione di Sorrento con altre due alimentazioni provenienti da Vico Equense e dal mare diretta verso Capri. Con la nuova rete sarà smantellata anche la vetusta cabina elettrica di via Marziale che insiste nel centro urbano di Sorrento.