Droga, undici arresti nella Piana del Sele. Dosi nascoste nel corpo degli spacciatori

0

SALERNO – Undici persone che trasportavano sostanze stupefacenti occultate nelle cavità rettali, sono state arrestate nella Piana del Sele dai carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Salerno.

 

Le indagini, coordinate dal procuratore della Repubblica di Salerno, Franco Roberti, hanno consentito di scoprire una organizzazione criminale dedita alla detenzione e allo spaccio di stupefacenti. L’eroina e la cocaina, acquistata nel napoletano, veniva sigillata all’interno di palloncini in gomma, che fungevano da involucri, per poi essere introdotta nel retto.

Gli spacciatori tagliavano lo stupefacente in modo approssimativo, mettendo anche a repentaglio la vita degli assuntori. Secondo gli investigatori la causa del decesso di un giovane avvenuto nei mesi scorsi sarebbe da attribuire proprio all’assunzione di una dose letale acquistata da uno degli arrestati.

 

Nel corso di pedinamenti ed di appostamenti i militari hanno anche accertato che, in diversi casi, alcuni spacciatori, distribuivano lo stupefacente portando al seguito, allo scopo di non dare nell’occhio, bambini anche in tenerissima età, spesso trasportati con il passeggino.

 

A tal proposito, è emerso un rilevante coinvolgimento di alcune donne, impegnate a controllare i luoghi di spaccio ed il percorso dei corrieri prima del loro ritorno dal napoletano. Il compito di alcune di loro infatti era quello di effettuando una sorta di bonifica, segnalando sul tragitto la presenza di posti di controllo delle forze di polizia.