Carpedil Ipervigile, parte la nuova avventura targata Salerno

0

BARONISSI – Partiti. La nuova avventura della Nuova Pallacanestro Carpedil Ipervigile, targata Salerno, parte dalla tranquillità delle colline della Valle dell’Irno. La società biancorossa, guidata dalla vulcanica Angela Somma, ha infatti scelto Baronissi – il roster alloggia presso l’accogliente hotel ‘Dei Principati’ – per preparare nei minimi dettagli la nuova stagione che vedrà Anna Guida e compagne difendere con le unghie e con i denti quella A2 conquistata con grandi sacrifici la scorsa annata. Al timone del gruppo ci sarà sempre lui, lo stratega con la passione per il mare, quel Gigi Salineri capace di infondere sicurezza e tranquillità alle sue atlete anche nei momenti più topici di una stagione. La squadra, accolta da Angela Somma e l’intero staff dirigenziale, si è ritrovata nella serata di mercoledì nell’albergo di  Baronissi. In queste prime settimane il gruppo di Salineri sosterrà due sedute giornaliere: la mattina a sudare presso il centro sportivo della parrocchia Santissimo Salvatore e nel pomeriggio a provare i nuovi schemi presso il palazzetto ‘Silvestri’ di Salerno, che quest’anno sarà il nuovo quartier generale della Nuova Pallacanestro Carpedil Ipervigile. Tanti i volti nuovi, dentro e fuori dal campo in casa biancorossa. A partire dall’allenatore in seconda, con il casertano Giancarlo Natale che subentra all’abruzzese Giacomo Piersante, con il nuovo dirigente accompagnatore, Vittorio D’Ambrosio e Romilda Palumbo, responsabile del settore giovanile. A guidare la pattuglia della vecchia guardia sono rimasti Vincenzo Puglia, fisioterapista del roster subentrato lo scorso anno al posto di Vincenzo Luongo, il medico sociale, Pino Palumbo, e il vice-presidente biancorosso, Adolfo Somma. A lasciare la società salernitana sono stati, quindi, il general manager, Catello Porfido, e il dirigente Gerardo D’Angelo, ai quali il sodalizio biancorosso ha augurato le migliori fortune in campo sportivo e personale. Tutte abili e arruolabili le atlete della Carpedil Ipervigile, con l’unica eccezione rappresentata da Marta Miccoli. La cestista leccese al momento è alle prese con un infortunio che le ha provocato l’abrasione al tendine, ma si aggregherà nei prossimi giorni al gruppo dopo essersi fatta visitare dallo staff sanitario della società. Oltre ai volti nuovi, rappresentati dall’americana Rae Lin D’Alie e dalla romagnola Carolina Pantani, al roster si sono aggregati, provenienti dal settore giovanile, Dalila Frascolla, Andreana D’Avanzo e Linda Fereoli, quest’ultima già ceduta in prestito ad un club di categoria inferiore lo scorso anno dalla Carpedil per maturare esperienza. In prova, invece, c’è la giovane Claudia Laurentaci. I festeggiamenti per il salto di categoria sono ormai alle spalle ed in casa Carpedil Ipervigile Salerno c’è ormai voglia di mettersi a lavorare sodo per non farsi trovare impreparati all’esordio in A2. “Abbiamo confermato la maggior parte del gruppo”, ha detto il presidente del club, Angela Somma. “Abbiamo puntellato il roster con l’arrivo di due nuove atlete ed alcune giovani di sicura prospettiva che miglioreranno il tasso di qualità della squadra. Il nostro obiettivo è una salvezza tranquilla, ma se arriverà qualcosa in più saremo ovviamente contenti. Sono certa che con il lavoro vedremo risultati positivi. Rivolgo un grande in bocca al lupo a tutta la squadra ed attendo fiduciosa grandi soddisfazioni come nella passata stagione, quando abbiamo vinto tutto ciò che c’era da vincere”, ha concluso la Somma. Contento di iniziare la nuova avventura all’ombra del golfo di Salerno anche il coach biancorosso, Gigi Salineri: “Mi aspetto di centrare quelli che sono gli obiettivi tracciati dalla dirigenza, ovvero un campionato dignitoso per dare un’ottima immagine di noi stessi alla città e soprattutto per la città di Salerno. Sicuramente cercheremo di preservare la categoria grazie anche all’intesa che vige tra le nostre atlete. Ecco perché abbiamo deciso di mantenere un buon 70 % del gruppo dello scorso anno. Al contempo però abbiamo operato due innesti capaci di renderci meno vulnerabili rispetto alla scorsa stagione. Da D’Alie ci aspettiamo personalità offensiva, leadership ed un gioco rapido. Da Pantani, invece, una maggiore forza a rimbalzo ed un ulteriore punto di riferimento per l’intera squadra grazie alla sua esperienza e personalità. Qualità che vanno ad unirsi a quelle delle altre veterane del gruppo, Guida e Ribezzo”. Sulla stessa lunghezza d’onda di tecnico e società anche il gruppo storico del club, capitanato da una Anna Guida che si prepara all’ennesima stagione da protagonista: “Di sicuro non sarà il campionato dello scorso. Siamo determinate come sempre, ma vincere anche quest’anno, in una categoria superiore, sarà difficile. Ce la metteremo tutta perché abbiamo le carte in regola per fare bene. Con impegno e sacrificio dimostreremo sul campo il nostro valore. Quel che è certo è che i risultati si raggiungeranno con la compattezza del gruppo. Cercheremo di sostenere un campionato sereno e tranquillo e al contempo tenteremo di toglierci qualche soddisfazione con le grandi”. Pronta alla nuova avventura anche Serena Bona, con la siciliana che già si candida a diventare una delle più belle sorprese del prossimo torneo di A2: “Rivolgo un grande in bocca al lupo a tutta la nostra squadra ed in particolare alle nostre nuove compagne. I primi dieci giorni di questo ritiro precampionato saranno utili e fondamentali a conoscerci meglio. Avremo tanto da lavorare e sarà sicuramente faticoso ma siamo consapevoli che poi raggiungeremo una forma fisica ottimale per il campionato. Non mi aspetto di vincerlo, ma è comunque tutto da vedere perché niente è già scritto. L’importante è impegnarsi e cercare di ottenere il massimo, proprio come nella passata stagione”. Curiosità in albergo per l’arrivo dei nuovi acquisti che hanno caratterizzato l’estate in casa Carpedil Ipervigile Salerno, la statunitense Rae Lin D’Alie e la romagnola Carolina Pantani. “Sono entusiasta di questa mia nuova avventura perchè ho trovato un gruppo molto affiatato e compatto”, ha detto l’ala Pantani. “Conosco Hairin Ribezzo perché abbiamo giocato insieme ad Ancona. In questo ritiro cercherò di amalgamarmi al meglio con le mie nuove compagne. Mi aspetto di passare tanto tempo in palestra per arrivare pronta al sabato. Spero che, nei momenti di difficoltà, ci sia l’aiuto e la comprensione dell’intero gruppo”. Prime parole ‘Made in Italy’, coadiuvata da una straordinaria interprete d’eccezione come Camilla Ardito – studentessa di lingue -, anche per la ragazza a ‘Stars and Stripes’, Rae Lin D’Alie: “Ho giocato a Taranto soltanto per due mesi, da settembre a dicembre. Quindi si può dire che questa per me è la mia prima vera esperienza in Italia. In queste prime ore di ritiro ho stretto amicizia con Camilla Ardito, che mi aiuta a comprendere le compagne di squadra dato che non parlo ancora bene l’italiano. Sono entusiasta di poter giocare a basket in Italia e ringrazio il presidente Angela Somma per la possibilità che mi ha concesso. Non mi sento carica di responsabilità perché nel basket italiano non ho esperienza e di conseguenza non ho chissà quali aspettative. Certo è che darò il massimo per contribuire al raggiungimento degli obiettivi fissati dalla società”, ha affermato la ragazza del Wisconsin.