CILENTO. Cilento: 24 bici gratuite grazie al Parco nei porti per i turisti che alloggiano in strutture alberghiere

0

Cicloturismo fai da te e gratis. Anche se solo con 25 biciclette.. E’ il Cilento in Campania provincia di Salerno a portare aventi questa bella iniziativa.. Prima esperienza nazionale targata Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e Legambiente promossa dal Ministero dell’Ambiente. Nel Parco del Cilento la vacanza va in bici. Pedalare fa bene alla salute, all’ambiente, al territorio. Ha preso il via nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano la prima esperienza nazionale di Cicloporti: quattro postazioni di bike sharing gratuito per i turisti che alloggiano in strutture ricettive autorizzate. nei porti di Acciaroli, Agnone,Casalvelino, S.Maria e S.Marco di Castellabate.

L’iniziativa è targata Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e Legambiente Campania , promossa dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito del progetto “E…state nei parchi.” Il progetto è partito alla fine di Luglio e proseguirà fino al 30 settembre e sta riscuotendo una grande adesione soprattutto da parte dei turisti stranieri. Nei porti sono a disposizione dei turisti biciclette da utilizzare gratuitamente per ciclopasseggiate nel Parco, fare attività motoria e degustare prodotti della dieta medetiterranea, riconosciuta Patrimonio Mondiale Immateriale dall’UNESCO Per disporre della bici è sufficiente compilare un modulo fornendo le proprie generalità presso i punti “cicloporto” localizzati a S. Maria di Castellabate alla gelateria l’Ancora di Marina piccola, ad Agnone al bar del Porto, ad Acciaroli all’ufficio di Marina e a Casalvelino alla direzione del porto. “Le nostre località balneari – ha commentato Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania – possono e devono rappresentare il punto più avanzato dove turismo, cultura, ambiente, agricoltura e produzioni tipiche possono dare, insieme, risposte concrete sul terreno della qualità dello sviluppo e dei servizi, delle opportunità di nuovi lavori. Con questa iniziativa vogliamo dimostrare di potere competere anche a livello internazionale con gli altri segmenti del mercato del turismo ambientale, attraverso la valorizzazione di quei beni di cui i nostri territori sono ricchi: natura, storia, cultura, artigianato, paesaggio, arte, lavori e produzioni tradizionali e di qualità ”. Sempre nell’ambito del progetto E..state nei parchi, Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e Comune di Moio della Civitella organizzano campi di volontariato per ragazzi delle scuole medie sulle tematiche della natura e della biodiversità. I percorsi sono stati realizzati ispirandosi al motto: “Imparare giocando, tutelare conoscendo”. I destinatari sono 80 ragazzi di cui 40 provenienti dai Comuni colpiti dal terremoto dell’Aquila ed altri 40 residenti nel Parco. Legambiente inoltre, ha predisposto per loro affascinanti percorsi di biologia marina nell’Area Marina Protetta di S.Maria di Castellabate, per far conoscere, con il seawatching, il patrimonio di biodiversità dell’Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate, anch’essa gestita dal Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. “Ringrazio il Ministro Prestigiacomo – sottolinea il presidente Troiano – che ha voluto promuovere questo progetto per valorizzare le aree protette del nostro Paese ed in particolar modo il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Abbiamo fortemente creduto in questa iniziativa – continua Troiano – per promuovere ed incentivare la mobilità sostenibile nell’area Parco. Vogliamo che l’uso della bici prosegua e si rafforzi di anno in anno e siamo convinti che questo progetto sperimentale, primo a livello nazionale, possa incentivare la mobilità sostenibile così come già avviene in tutti i Paesi europei, una mobilità – conclude Troiano – che prova a soddisfare tre necessità: rispettare l’ambiente , offrire servizi di qualità ai fruitori del nostro territorio, porre le basi per incentivare la micro occupazione indirizzata alla gestione di servizi ecologicamente orientati”. L’iniziativa Cicloporti raddoppia e la prossima estate si traformerà in una campagna nazionale di Legambiente che coinvolgerà i principali Comuni costieri italiani

Lascia una risposta