Amalfi tante manifestazioni per il turismo ma manca il grande evento. Ripensiamo al Capodanno Bizantino

0

 Il neo assessore al turismo di Amalfi  Daniele Milano facebookaro e molto attivo sui social network ha organizzato diverse manifestazioni (fra le quali con l’Anspi Amalfi by night che ha avuto il nostro apprezzamento ) ma manca qualcosa. La comunicazione degli eventi avviene all’interno di circuiti chiusi (Face Book e anche gruppi chiusi comunque con una sorta di endocomunicazione) e non attraverso canali esterni che richiamino sul territorio dei flussi turistici senza parlarsi troppo spesso addosso e senza darsi i tempi per annunciare le manifestazioni (fra l’altro la delibera è stata fatta a fine giugno e pubblicata a luglio  praticamente a manifestazioni iniziate) ma sopratutto manca ad Amalfi il Grande Evento che le darebbe quel ruolo di centralità che dovrebbe avere in costiera amalfitana. Eppure un evento del genere era stato abilmente creato in un periodo ideale per il turismo con la possibilità di poterlo annunciare in tempo.

Il Capodanno Bizantino è una suggestiva rievocazione storica che ha luogo ad Amalfi e Atrani per celebrare la nomina del Gran Duca di Amalfi. Questa celebrazione per mille anni si è tenuta il primo di settembre che in periodo bizantino veniva considerato l’inizio dell’anno. L’ultimo giorno di Agosto viene organizzato ad Amalfi il Palio Bizantino con sfilate e giostre in costumi medievali. Il giorno dopo ad Atrani si rappresenta il passaggio delle consegne al nuovo Duca.

Durante la manifestazione poi c’erano premiazioni di grandi personalità del mondo del diritto e iniziative varie, convegni, degustazioni, mostre, giochi. La periodicità poi ne faceva un evento spendibile anche per i tour operator in grande anticipo. Perchè non rifarlo?