Braglia: "Juve Stabia con il tridente anche in serie B"

0

La Juve Stabia continuerà a colpire con il tridente. In Lega Pro come in Serie B. “E’ la nostra filosofia – esordisce il tecnico Piero Braglia, direttamente dal ritiro di Gubbio – abbiamo iniziato a lavorare e a provare fin da subito il 4-3-3 ma nei prossimi giorni proveremo anche il 3-4-3. Due moduli che saranno la base del nostro lavoro anche se la Juve Stabia, come l’anno scorso, sarà una squadra elastica che saprà cambiare atteggiamento tattico anche a gara in corso”. Due moduli che prevedono le tre punte. D’altronde, anche il mercato condotto dalla dirigenza stabiese lasciava presagire che le Vespe avrebbero proseguito sulla falsa riga della passata stagione, quando il tecnico Braglia aveva mescolato e rimescolato le carte in più occasioni senza mai rinunciare alle tre punte. A tal proposito, la Juve Stabia continua a sondare il mercato per un attaccante di spessore da inserire proprio al centro dell’attacco di Braglia. Un colpo che potrebbe chiudere il mercato delle Vespe: “No, per niente – risponde il tecnico stabiese – ci mancano ancora un paio di pedine ma questo la società lo sa bene e sta lavorando per completare la rosa. Ci confrontiamo tutti i giorni con la dirigenza e sono sicuro che la squadra sarà pronta per disputare un buon campionato”. Insomma, servono ancora due acquisti ed uno almeno sarà un attaccante centrale. Nelle ultime ore è calda, per quanto riguarda l’attacco, la pista che porta al bomber del Frosinone Santoruvo. Il calciatore è stato alle dipendenze di Braglia, proprio quando il tecnico allenava i ciociari in Serie B: “Purtroppo si fece male quasi subito – ricorda l’allenatore stabiese – in ogni caso, stiamo parlando di un attaccante importante per la categoria che riesce quasi sempre ad arrivare in doppia cifra”. E’ un calciatore che potrebbe fare al caso della Juve Stabia?: “Santoruvo è una prima punta” – risponde Braglia. Come a dire, per caratteristiche è quello che stiamo cercando a prescindere se arrivi o meno. Intanto, il tecnico stabiese va avanti con i calciatori che sono attualmente a sua disposizione: “Sono tutti molto disponibili – rivela il tecnico toscano – il gruppo si sta impegnando e sta lavorando sodo. Cosa mi ha stupito dei nuovi? Che si allenano bene, ma nei primi giorni è sempre così”. Il solito Braglia, quello del bastone e la carota sempre pronto alla battuta. Chissà se qualcuna l’avrà riservata anche al talentuoso Savio, che tutti definiscono un grande calciatore tendente alle “cassanate”: “Non è vero che Savio ha un carattere particolare – replica Braglia – un paio di anni fa era uno dei calciatori più forti in circolazione in Serie B e destinato ad una grande carriera. Semplicemente ha bisogno di ritrovarsi. Il nostro compito è quello di metterlo nelle migliori condizioni per esprimere il suo valore. Poi dipenderà tutto da lui”. Il discorso poi scivola sui reduci della passata stagione, calciatori che hanno permesso alla Juve Stabia di conquistare la Serie B e adesso saranno chiamati a difenderla: “Sono ragazzi eccezionali ed hanno capito fin da subito che devono mettere da parte quello che hanno fatto nella passata stagione – dichiara Braglia – è il momento di guardare avanti, solo così possiamo conquistare la salvezza in un campionato difficilissimo”. Infine, una battuta sul pubblico stabiese: “Abbiamo conquistato una promozione inaspettata e so che a Castellammare i tifosi stanno ancora festeggiando per la Serie B. Sono molto felice per loro – conclude mister Piero Braglia – mi auguro che l’entusiasmo che si è creato fin dalle ultime gare della passata stagione porti i tifosi a fare tanti abbonamenti. Il calore del pubblico per noi è indispensabile. Il Menti pieno fa la differenza e lo abbiamo visto nei play off. Quest’anno per conquistare la salvezza ci serve tutto il supporto possibile del nostro pubblico”.

FONTE STABIA CHANNEL