NAPOLI_RIFIUTI: ALLA CAMERA 296 SI e 287 NO

0

 ROMA – La Camera ha dato il via libera al rinvio del decreto legge sui rifiuti in commissione.

 GOVERNO SOTTO ALLA CAMERA SU PARTE MOZIONE IDV – Con i voti della sola opposizione nell’aula della Camera è passata una parte di una mozione dell’Idv sui rifiuti, su cui il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, aveva espresso parere favorevole, ma contro cui hanno votato i deputati di maggioranza e tutti i ministri.

 Prestigiacomo si è astenuta mentre tutti i membri del governo in aula votavano no. Il testo dell’Idv, su cui comunque il ministro aveva espresso parere favorevole, è passato con 287 no, 296 sì e sei astenuti. Dai banchi di opposizione si è ripetutamente urlato: ‘Dimissioni, dimissioni’.

 Il ministro Prestigiacomo aveva reso parere favorevole su una parte della mozione Idv contro la volontà de resto dei rappresentanti dell’Esecutivo che hanno espresso parere negativo su indicazione dei rappresentanti di Pdl e Lega nel comitato dei Nove che avevano dato a deputati della maggioranza e ai rappresentanti del governo l’indicazione di votare contro.

  Fra lo stupore generale, una parte dei deputati di maggioranza ha invece votato a favore della mozione, mentre il ministro Prestigiacomo si asteneva su un testo sul quale aveva, solo pochi secondi prima, espresso parere favorevole. Il primo a stupirsi dell’inedita scena è stato il presidente Gianfranco Fini.

 Ricordo ai colleghi che il governo aveva reso parere favorevole…” ha detto. Alla fine il governo è risultato battuto per 296 voti a favore e 287 contrari (sei astenuti) e la mozione dell’Idv è passata.

 La scena si è ripetuta sulle altre mozioni: anche quando il ministro Prestigiacomo ha reso parere favorevole, maggioranza e membri del governo hanno votato contro. Il Pdl ha ritirato la propria mozione. In aula è un continuo di conciliaboli tra membri di maggioranza e membri del governo.

 Successivamente, su altre mozioni, come quella dell’Udc e del Pd, a fronte del parere favorevole del governo, ministri, sottosegretari e deputati della maggioranza hanno espresso un voto di astensione.

 

 

 

 

 Fonte: ANSA