FIERI DI TIFARE “SAN VITO POSITANO”!

0

Costiera amalfitana, costa d’ Amalfi . Il SAN VITO POSITANO: Ragazzi che vivono di emozioni, sensazioni, con il cuore
innamorato del calcio dove spesso tra innumerevoli ed umili campetti di terra o tra pochi ed eleganti palcoscenici di prati d’erba rotola un pallone…
Così bello questo sport che a soffermarsi su come si articola, è quasi indegno sapere e pensare che proprio lui, il pallone, il vero protagonista di tutto questo,
venga preso a calci, anche se oggi purtroppo in una reale triste contraddizione,
i calci sono dati alle persone che rotolano più veloce del pallone. Ecco perché il calcio è cambiato, è così diverso, meno rispettato .
Si ama il calcio sin da piccoli e calcisticamente si cresce nella realtà di un piccolo paese, Positano, perla della Costa d’Amalfi, che tempo indietro è riuscita ad essere protagonista con persone che giocatori lo erano tra un turno ed un altro di lavoro.

 

Tutto nacque per caso nel lontano 1956 in questo piccolo “grande” paese, pochi svaghi ma una forte amicizia reciproca,  aspetto che differenzia Positano dalle grandi città. Con l’aiuto del fondatore, nonché primo presidente della squadra, il nostro amato Don Raffaele Talamo, parroco del paese, insieme a Michele Caldiero, Enzo Parlato ed altri personaggi positanesi, con tanta volontà, iniziarono quest’avventura…
Calcio povero, senza gloria, ma vero. Loro sono state e resteranno le vere glorie!
I giocatori che combattevano giocando, al cospetto di calciatori professionisti d’interessi, hanno sofferto ritagli di un calcio schietto, sincero tra sofferenze, fatiche, ma da loro si è ereditato un calcio passionale e ragionato. Ed è  proprio per questa passione che si ama e si tifa il San Vito Positano,  la squadra giallo-rosso, colori caratteristici del nostro paese: il giallo del sole e il rosso dell’amore che portiamo dentro.
Dopo anni di aspettative, attesa, speranza, dopo stagioni anonime, di sofferenze per retrocessioni evitate e subite, di gestioni sbagliate, promesse non mantenute in campionati difficili,  ma dove l’unica cosa certa è l’incerto, dove nulla è scontato,
c’è comunque voglia di mettersi in gioco a livelli più competitivi. Questo è lo stesso sogno dei piccoli calciatori della scuola calcio, che intraprendono questo sport con la speranza di arrivare in futuro ad indossare le magliette dei loro “colleghi” campioni!

 

Purtroppo, trovare 18 ragazzi professionisti positanesi disponibili è un’impresa, perché gli allenamenti iniziano già ad agosto, periodo in cui la maggior parte lavora e quindi si ricorre a ragazzi di fuori, ai quali bisogna dare un minimo di rimborso spese.

 

Anche l’organigramma societario, oltre alla rosa, va rafforzandosi, grazie al favoloso interessamento da parte di tifosi, appassionati esterni e sponsor, che vogliono rendere vero questo sogno di mezza estate.

 

A settembre inizierà il campionato della prima squadra (salvo imprevisti dovrebbe ripartire dalla categoria promozione), mentre ad ottobre, con l’inizio della scuola calcio, i nostri piccoli cominceranno i loro allenamenti fino a maggio con la chiusura del campionato.

 

Le premesse e i numerosi rinforzi promettono bene, poi chissà…nella vita bisogna prestare attenzione alle speranze…

 

 

 

Pamela CUOMO

 

 

 

Lascia una risposta