Salerno. Sulle coste ritrovati morti un delfino e due tartarughe

0

 SALERNO – Il cadavere di un delfino (ormai morto da molte ore) si è «spiaggiato» ieri sul bagnasciuga del Lido Acapulco, sulla litoranea di Salerno. Intorno alle 14 a dieci metri dalla riva si è materializzato il corpo del cetaceo che, spinto dalla corrente, si è poi adagiato sulla riva.

Una folla di curiosi si è subito radunata intorno al cetaceo morto, probabilmente, a causa della temperatura alta dell’acqua. Il delfino, di circa due metri di lunghezza, è rimasto diverse ore sul bagnasciuga attorniato dalla folla di bagnanti.
Due invece i ritrovamenti, nell’arco di quarantott’ore, a Castellabate. Si tratta di due esemplari di tartaruga appartenenti alla specie Caretta Caretta, presenza ormai abituale nei nostri mari.

Purtroppo, entrambe le tartarughe sono state trovate prive di vita. L’ultimo ritrovamento è avvenuto ieri mattina ad un miglio dalla costa di San Marco. Un pescatore ha notato la carcassa galleggiare in acqua ed ha prontamente avvisato la Capitaneria di Porto e la locale sezione di Legambiente. «L’esemplare – sottolinea Alfonso Piccirillo, vicepresidente di Legambiente Castellabate – misura circa 120cm di lunghezza di carapace per cui credo avesse una ventina d’anni».

Non è escluso che la tartaruga stesse in prossimità della costa perché pronta a nidificare in una delle tante insenature del tratto costiero.

Fonte: Il Mattino