Blitz di Lega Ambiente a Ischia dimenticato il mostro di Alimuri oggi a Praiano Gavitella. FOTO

0

Allegate foto Scala di Goletta Verde alla Gavitella. Oggi gli attivisti di Legambiente, impegnati nella storica campagna estiva di Goletta Verde, arrivano in costiera amalfitana , a Praiano, nel pomeriggio alla Gavitella, la spiaggia dove il sole non tramonta mai in costa d’ Amalfi. Gli ambientalisti di Goletta Verde hanno messo in atto un Blitz per lanciare un allarme a difesa dei litorali dell’Isola di Ischia, per condannare il dilagare di cemento e illegalità e richiedere urgenti provvedimenti mirati a mitigare il rischio idrogeologico. Da notare come quest’anno sia stata evitata la storica battaglia del mostro di Alimuri in penisola sorrentina, fra Meta di Sorrento e Vico Equense, e a Positano, dove si portava avanti la storica battaglia per la spiaggia di Remmese occupata, con l’interdizione di uno storico passaggio pubblico,  dall’hotel Le Agavi a Positano. Ma non di meno ci si aspettava la segnalazione, in positivo, della proliferazione di specie marine nel Parco Marino di Punta Campanella e, in negativo, della mancaza di depuratori in penisola sorrentina e delle continue segnalazioni di inquinamento pelagico. Detto questo come redazione diamo il nostro benvenuto ai ragazzi di Goletta Verde che compiono una meritoria opera di sensibilizzazione sul territorio (e provvedono anche ai prelievi) premiano Praiano che, con Positano, si conferma l’angolo di mare più pulito della provincia di Salerno dopo il Cilento (dove fra Pollica, Castellabbate, Agropoli e altri comuni è il regno del mare pulito della Campania ).

Accompagnato via mare dalla celebre Goletta Catholica, l’equipaggio ambientalista si è recato sulla spiaggia libera di Cala dell’Isola, in località Forio, realizzando uno dei famosi blitz che contraddistinguono la campagna. L’intento che ha mosso l’iniziativa è stato quello di portare alla ribalta tematiche di grande importanza per lo sviluppo sostenibile dell’isola. La scelta del sito non è stata casuale, la spiaggia infatti, è una delle ultime non occupata da lidi privati e rimaste libere a disposizione dei cittadini, inoltre, ben rappresenta la condizione di molte delle coste isolane che vertono in un costante pericolo di frane e smottamenti. Ad oggi parte della spiaggia è transennata proprio a causa del crollo di parte della parete di roccia avvenuto lo scorso autunno. Tale evento non è stato certo un caso isolato. Tra gli altri, nel 2009 un’alluvione ha coperto di fango le strade di Casamicciola causando una vittima e nel 2006 i morti per la frana di un costone erano stati quattro. Tragedie annunciate che si potrebbero verificare anche in futuro. Per arginare questi fenomeni legati alle caratteristiche naturali del territorio, Legambiente chiede alle autorità competenti di realizzare analisi approfondite sullo stato delle coste e di mettere in atto politiche di prevenzione e riduzione del rischio. Attualmente invece, ad Ischia avviene l’esatto contrario e l’incontrollata colata di cemento, su un territorio già fragile, sta innescato una bomba che a ogni temporale rischia di esplodere, degradando la bellezza delle coste e mettendo a rischio la sicurezza della popolazione.

“L’isola di Ischia continua a essere l’isola italiana più urbanizzata, su una popolazione di 63.000 abitanti, sono 25mila le richieste di condono edilizio – dichiara Peppe Mazzara, presidente del circolo di Legambiente locale. Lo scorso 8 aprile, un’operazione antiabusivismo dei carabinieri di Ischia ha portato al sequestro di 12 immobili, 16 denunce, per un totale di 800 metri quadrati e un valore economico di circa 2 milioni e 400 mila euro. 2 immobili sono stati sequestrati ad Ischia, 2 a Barano, 5 a Casamicciola, 2 Forio e 1 a Procida. I sequestri hanno riguardato ampliamenti abusivi, in zone soggette a vincolo paesistico-ambientale, di strutture preesistenti. Con l’iniziativa odierna vogliamo ribadire la nostra denuncia a questa situazione”. Nell’Isola si gioca da tempo una vera e propria battaglia per l’affermazione della legalità, Goletta Verde, sostiene a pieno la battaglia contro l’abusivismo e il cemento e dichiarando con fermezza il proprio monito a tutelare tutte le coste della splendida Ischia.

Ora goletta verde è alla volta di Praiano.. Li aspettiamo.