SCUOLA SICURA.

0

 

                           

 

                  CITTADINANZATTIVA COSTA D’AMALFI

 

                      PROGETTO“SCUOLA SICURA”

 

INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI – anno scolastico 2011-2012.

 

 

 

 

 

PREMESSA

 

Poiché il tema della sicurezza riveste un’importanza sempre più grande e riscuote un interesse sempre più

 

diffuso, la Scuola di Cittadinanza Attiva promuove  un monitoraggio per verificare il livello di sicurezza

 

degli edifici scolastici delle scuole della Costiera Amalfitana.

 

L’indagine viene  promossa con l’intento di:

 

– raccogliere dati analitici sul livello di sicurezza degli edifici scolastici, siano essi scuole elementari,

 

medie inferiori, medie superiori o istituti comprensivi;

 

– verificare lo stato di adeguamento degli istituti alla normativa contenuta nella legge 626/94 e successive, sulla

 

sicurezza;

 

– monitorare l’esistenza di attività educative tese a diffondere una cultura della sicurezza

 

FATTORI DA ANALIZZARE:

 

1. Educazione alla sicurezza

 

2. Contesto Esterno

 

3. Cortile

 

4. Atrio

 

5. Scale

 

6. Aule

 

7. Corridoi

 

8. Laboratorio scientifico

 

9. Palestra

 

10. Servizi Igienici

 

11. Ascensori

 

12. Prevenzione incendi

 

13. Vigilanza interna

 

 

 

 

 

 1. EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA (esistenza di un documento sulla valutazione dei rischi possibili a

 

scuola, esistenza di un piano di emergenza in caso di pericolo, realizzazione di iniziative di

 

formazione e informazione relative alla sicurezza, presenza di progetti educativi all’interno del

 

progetto educativo d’istituto):

 

2. CONTESTO ESTERNO (assenza di strade pericolose nei pressi della scuola, presenza di un vigile per

 

l’entrata e l’uscita da scuola.

 

3. CORTILE (presenza di una adeguata recinzione, assenza di aree destinate anche temporaneamente

 

a cantiere o magazzino, presenza di giardini o aiuole, possibilità di accesso per i veicoli) :

 

4. ATRIO (presenza di un accesso per le persone disabili, presenza di gradini antiscivolo, presenza

 

dei corrimano, presenza di chiusure antipanico).

 

5. SCALE (presenza di parapetti adeguati sui lati aperti delle rampe di scale, presenza di corrimano

 

adeguati sulle scale, assenza di ostacoli sulle scale, uniformità dei gradini, adeguatezza di

 

livelli adeguati di illuminazione, presenza delle scale di sicurezza, apertura delle porte di

 

accesso alle scale di sicurezza durante lo svolgimento delle attività didattica)

 

6. AULE (regolarità e uniformità, adeguatezza dei livelli naturale e artificiale di illuminazione,

 

rispetto delle condizioni di benessere relativamente alla temperatura, all’umidità e alla

 

circolazione dell’aria, l’adeguato ricambio dell’aria, la presenza di tende, persiane e serrande,

 

assenza di vetri, infissi e maniglie rotte, l’adeguatezza delle dimensioni delle classi rispetto al

 

numero di studenti, assenza di rumori esterni molesti, buono stato degli arredi, assenza di

 

elementi di pericolo delle apparecchiature elettriche fisse)

 

7. CORRIDOI (regolarità e uniformità del pavimento, presenza delle condizioni di benessere

 

relativamente a temperatura, umidità, luminosità e circolazione dell’aria, assenza di ostacoli

 

nelle zone di passaggio, presenza di parapetto nelle finestre, assenza di ingombri nelle vie di

 

fuga, adeguata segnalazione delle vie di fuga, presenza di chiusura antipanico nelle porte di

 

uscita d’emergenza, apertura di queste porte durante lo svolgimento dell’attività didattiche,

 

adeguata segnalazione delle uscite di emergenza).

 

8. LABORATORIO SCIENTIFICO (conformità della destinazione d’uso, adeguatezza dei livelli di luce

 

naturale e artificiale, rispetto delle condizioni di benessere in quanto a temperatura, umidità e

 

circolazione dell’aria, assenza di pericolo x le apparecchiature elettriche, smaltimento adeguato

 

dei rifiuti speciali, presenza di una adeguata cassetta di pronto soccorso)

 

9. PALESTRA: (conformità della destinazione d’uso, adeguatezza del pavimento, adeguatezza dei

 

livelli di illuminazione naturale e artificiale, rispetto delle condizioni di benessere relativamente

 

a temperatura, umidità, circolazione dell’aria, non pericolosità delle apparecchiature elettriche,

 

presenza di spogliatoi, servizi igienico sanitari e docce, livello di igiene ed efficienza degli

 

spogliatoi, presenza di un’adeguata cassetta di pronto soccorso, regolarità dello svolgimento

 

dell’educazione civica per tutte le classi).

 

10. SERVIZI IGIENICI (regolarità e uniformità del pavimento, igiene del pavimento, presenza di

 

piastrelle o superficie lavabile sulle pareti, presenza del parapetto sulle finestre, possibilità di

 

apertura dall’esterno in caso di emergenza delle porte dei bagni, disponibilità di acqua potabile,

 

integrità dei sanitari).

 

11. ASCENSORI (presenza di ascensori per persone disabili, assenza di barriere architettoniche in

 

prossimità degli ascensori).

 

12. PREVENZIONI ANTICENDI (visibilità della segnaletica antincendio, presenza estintori , bocchette antincendio.

 

13. VIGILANZA INTERNA ( numero operatori scolastici effettivamente presenti, presenza operatori , all’ingresso,

 

presenza degli operatori sui corridoi.

 

Prima dell’inizio dell’anno scolastico 2011-2012 , Cittadinanza Attiva Scuola  , chiederà ufficialmente a tutti gli

 

Enti , preposti al controllo della Sicurezza degli Edifici Scolastici , se tutti gli Istituti Scolastici della Costiera Amalfitana, sono muniti dei seguenti requisiti di legge.

 

Non  accetteremo più , che vengono rilasciate proroghe , perché prorogare (da anni) significa continuare a mettere

 

a rischio la vita degli alunni e del personale…..

 

Gli Enti , hanno avuto troppo anni a disposizione per reperire fondi , per l’adeguamento e la sicurezza delle scuole…

 

 

 

Arrivederci a Settembre…..Buone Vacanze ….

 

 

 

Amalfi..07.07.2011                                                                             Il Coordinatore Cittadinanzattiva  Costa D’Amalfi

 

 

 

                                                                                                                                   Rag. Andrea Cretella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta