Ravello Matrimonio Brunetta i precari si danno appuntamento in piazza

0

Riceviamo e pubblilchiamo intervento dei precari della costiera amalfitana  che si danno appuntamento in piazza a Ravello sulla costa d’ Amalfi per una protesta .

 

Brunetta si sposa… facciamogli la “festa”!

Non siamo stati invitati alla festa, eppure “l’Italia peggiore” ha voglia di incontrare la “peggiore Italia” che calpesterà il suolo di Ravello domenica 10 luglio.

Un’accozzaglia di ministracci, faccendieri, portaborse, accompagnerà il ministro Brunetta all’altare. La casta, sempre più lontana dal popolo, si isola e mette in scena la sua arroganza e la sua ricchezza, mentre le stesse persone preparano una finanziaria di lacrime e sangue, tagli alle pensioni, espulsione definitiva dei precari dalla pubblica amministrazione, ulteriori tagli alla Scuola Pubblica, ormai morente, attacchi a diritti inalienabili. Sono anni che si cerca di far pagare la loro crisi ai lavoratori, ai pensionati ed ai precari, peggiorando le condizioni di lavoro, tagliando stipendi e posti di lavoro, e cancellando e privatizzando i Beni Comuni essenziali alla maggioranza della popolazione (Sanità, Scuola, Trasporti Pubblici…).

 

Non ci stiamo, ci indigniamo di fronte ad un ministro come Brunetta che definisce i precari “l’Italia peggiore” ed i dipendenti pubblici “cialtroni” nascondendo la sua storia di parassita e fannullone.

 

Non ci stiamo a subire in silenzio nè a delegare ad alcuno la nostra indignazione e la nostra rabbia; la nostra voglia di partecipazione.

 

Domenica 10 Luglio ore 17,00

P.zza Vescovado, Ravello

 

info: indignaticostamalfi@libero.it

http://precarisalerno.forumup.it/

http://tiggilibero.altervista.org/

340 82 90 108 Stanislao

339 67 100 65 Luigi

 

Titti sposa Renato, ma a noi, non ci hai invitato.

Forse ti disturba il precariato?

Eppure questo scherzetto, tu ce l’hai combinato…

Ministro ti regaliamo la nostra indignazione,

Te la raccontiamo domenica in piazza Vescovado,

a Ravello, alle ore 17, senza rassegnazione…

 

Ci clostilo in proprio ravello – luglio ’11